LE CROCIATE – storia medievale

LE CROCIATE
MOTIVI
  1. richiesta di aiuto da parte dei bizantini per fronteggiare i Turchi
  2. motivo religioso
       » aggressività della piccola nobiltà guerriera incanalata nell’ideale di conquistare terre in nome di Dio
       » in questi movimenti la cristianità si sente unita, un unico popolo per un riconoscimento ideale
       ÃƒÆ’‚» è un modo di aderire alla vita religiosa rispondendo cos’ ad un’esigenza di religiosità
       ÃƒÆ’‚» partecipando alla crociata si riceveva l’indulgenza plenaria, anche se si muore prima di arrivare
  1. aspettative di avventure e di ricchezze
      » venne accesa anche la fame di denaro dei mercanti (cercavano nuove occasioni di arricchimento)
      » ceti più umili vedono la possibilità di acquistare più decorose condizioni di vita
      » i fanatici si sottraevano a qualsiasi disciplina, alla loro vita per la sete di bottino o per l’entusiasmo
      » questa sfrenatezza non razionale portò a incontrollate iniziative di aggressione contro gli “infedeli”
      » forze signorili locali avevano invece bisogno di professionalità per raggiungere i loro scopi
PRIMA CROCIATA
          1095 » concilio di Piacenza (marzo)
               » concilio di Clermont-Ferrand(novembre)
               » papa Urbano IIaddita alla cristianità il vero nemico da combattere = miscredenti che
                  occupavano sacrilegamente i luoghi santi della nascita, vita e morte di Gesù
              » era da troppo tempo che i cristiani si combattevano tra di loro
              » papa non costringe nessuno ma indica la cosa giusta da fare
              ÃƒÆ’‚» propone quindi di occupare la Palestinae combattere i miscredenti, prioritario di ogni vero
                cristiano, in tal modo si espiavano anche i propri peccati + vantaggi economici
                    » viene chiamata “crociata” perché alla tunica si cuciva una croce (chi prima la perdeva e poi la
                       rifiutava compiva un atto quasi empio e veniva allontanato dalla comunità)
          Palestina » molti iniziano quindi a guardarla come meta suprema della loro esistenza
                       ÃƒÆ’‚» per ebreiè la Terra Promessa (città con visione ideologica per le persone)
                       ÃƒÆ’‚» per i cristiani è il luogo dove è vissuto Cristo e dove c’è il suo Santo Sepolcro
                       ÃƒÆ’‚» per i musulmani era luogo della montagna di Abramo, dove Maometto sal’ al cielo
          Nobili » dovevano lasciare le loro terre coscienti che avrebbero potuto non ritornane più
                  » lasciano le terre momentaneamente alla Chiesa cui andranno se moriranno
                  » questo anche per avere una garanzia di protezione » chi tocca i beni della Chiesa viene
                     scomunicato e allontanato dalla comunità (gravissimo per l’individuo dell’epoca)
                  » garanzia di salvaguardia dei propri beni, stipulavano dei contratti con cui affidavano
                     ufficialmente i beni e spiegavano i motivi della loro partenza, lasciando un testamento
                  » questi si chiamavano “patenti” e dovevano essere resi pubblici per aderire alla crociata
                  » è segno che non li attira solo il desiderio di ricchezza perché per queste spedizioni
                     dovevano lasciare le loro terre ai pericoli e investire tutti i loro beni e il loro capitale
                  ÃƒÆ’‚» partecipare significava versare 4 anni di reddito di un nobile (armatura, cavallo…)
                  » possibile solo ora che l’economia si era cos’ tanto ripresa, quindi le crociate sono il prodotto
                    della rifioritura economica, non la causa come si pensa
                  » non si creavano vuoti amministrativi, perché venivano sostituiti con strutture adatte
                  » una volta partiti, le famiglie dei nobili venivano sostenute per non cadere in rovina
          La prima spedizione viene detta “Crociata popolare“, attuatasi nel 1096
      » raccolse spontaneamente una massa di contadini, avventurieri, fanatici, nobili impoveriti
      » poco dopo la partenza iniziarono subito a compiere massacri di “infedeli” ebrei
      » dopo infiniti saccheggi vennero attaccati e dispersi dalle popolazioni ungheresi
      » vennero definitivamente sterminati dai turchi in Asia Minore
      » è stata una disastro perché non avevano la logistica e i mezzi giusti (no attrezzatura)
          La prima crociata partì alla fine del 1096, poco dopo questo disastro
      » i cristiani spagnoli non vengono chiamati perché devono combatterla in patria con i musulmani
      » raduna tutti i guerrieri di tutti i paesi europei disciplinati e organizzati
      » conti e duchi della nobiltà francese, tedesca e normanna li guidavano (Goffredo di Buglione,
         Boemondo di Taranto, Tancredi d’Altavilla, Roberto di Fiandra)
      » giunti in Oriente sono costretti ad una trattativa dura con Bisanzio
      » imperatore bizantino Alessio Idà appoggio militare ed economico » riconoscimento della sua
         autorità sulla spedizione (intavola trattative con i musulmani d’Egitto sciiti contro i turchi sunniti)
      » sperava di ottenere cos’ delle terre ad aggiungere al suo dominio
      » serpeggia il malcontento ma la maggior parte giurano all’imperatore bizantino
      » conquistano Nicea (1° battaglia vera) ma l’aiuto logistico e militare promesso non arriva
      » in Antiochia i crociati respingono per tre volte i turchi, solo grazie ad un traditore che aprì loro le
         porte riuscirono ad entrare, ma non furono aiutati mai dall’imperatore bizantino
      » nel 1099i crociati conquistano Gerusalemme con Raimondo di Tolosa
      » sterminando sia saraceni che ebrei, ma non cedono ad Alessio I quello che avevano conquistato
      » non rispettano accordi con Bisanzio: costruiscono compagini di tipo feudale nelle terre conquistate
          Stati crociati » principati crociati anche se fragili resistono 2 secoli per continuo afflusso di guerrieri
                            ÃƒÆ’‚» ogni anno a primavera partivano navi con guerrieri, mercanti, monaci…
                            » crociate: istituzioni permanenti (non solo la prima, ma tutte otto, l’ultima nel 1270)
                            ÃƒÆ’‚» città marine: monopolizzavano trasporti + privilegi ed esenzioni doganali
                            » quando non si combatteva cristiani e musulmani » relazioni politiche e commerciali
                            » fondazione di ordini monastico-cavalleresti, si dotano di una regola che contiene
                               voto di castità, povertà e ubbidienza + di lottare contro i nemici della cristianità (i +
                               importanti sono i Templari » casa madre dove sorgeva il tempio di Salomone)
                            » fondazione degli ospedalieri di San Giovanni (presso quello di Gerusalemme)
                            » risposta della Chiesa mostra capacità di adattamento alla società guerriera del tempo
                            ÃƒÆ’‚» Cavalieri teutonici: ordine nato nel 1198 con l’obbiettivo di sottomettere e
                               convertire le popolazioni pagane dell’area baltica (sedi in Europa)
SECONDA CROCIATA (1147-1149)
           Obbiettivo» puramente difensivo di recuperare le aree rioccupate dagli islamici
                         » riacquistano peso le motivazioni di interesse economico, riducendo quelle religiose
          Fu promossa da Luigi VII di Francia e dall’imperatore Corrado di Svevia
       » obbiettivo di recuperare la contea di Edessa perduta dai cristiani nel 1144
       » vengono sconfitti a Damasco e l’impresa si scioglie con nulla di concluso
       » divisione della crociata: Baldovino, fratello di Goffredo da Guaglione ha la possibilità di farsi un
          regno e di stanziarsi l’, va quindi a conquistare Edessa (primo stato latino)
TERZA CROCIATA (1189-1192)
          Condotta dall’imperatore Federico Barbarossa, che vi perse la vita annegato nel fiume in Turchia
       » esercito ora senza più capo perde le speranze e viene sconfitto amaramente
          Prese il comando allora Filippo II Augusto, re di Francia, e Riccardo Cuor di Leone, re d’Inghilterra
      » obbiettivo di riprendere Gerusalemme che nel 1187 era stata ripresa dai turchi
      » i turchi erano guidati dal grande sultano Saladino (1177-1193) che riunificò i territori islamici
         d’Egitto e di Siria per far fronte al nemico comune
          Risultato » creazione del Regno di Cipro, ma non venne conquistata Gerusalemme
                      » i contrasti tra il re inglese e quello francese impedirono l’attuazione del piano
          Conseguenze » diffusione dello spirito d’intolleranza
                             » irrigidimento dei musulmani nei confronti dell’Europa
                             ÃƒÆ’‚» rovina della Cristianità bizantina (obbiettivo di riconquistare i territori bizantini)

QUARTA CROCIATA
          Bandita da papa Innocenzo III nel 1202
       » scopo di riconquistare Gerusalemme
          Doge veneziano Enrico Dandalo, politico astuto, mette a disposizione della crociata la sua grande flotta, in cambio avrebbero dovuto conquistare Zara, città chiave per gli scambi nell’Adriatico
       » la città viene conquistata ai Turchi, ma i crociati non raggiunsero mai la Terrasanta
       » i crociati assediarono Costantinopoli, perché lasciatisi trascinare dalle contese dinastiche
       » i vescovi e i chierici dell’esercito approvarono l’azione (Bisanzio non segue più la Chiesa romana)
       ÃƒÆ’‚» 1204 Costantinopoli cade: donne, uomini, bambini vennero tutti massacrati
          Instaurazione dell’Impero latino d’Oriente (molto debole)
       » legato a Roma dal punto di vista religioso
       » feudatari “franchi” si spartirono le varie province bizantine
       » ercanti veneziani occuparono la scena di tutti i porti e ottennero il controllo delle vie di traffico
          1261 venne ristabilita la vecchia chiesa ortodossa greca, divisa da Roma
       » sancisce la definitiva rottura con l’Occidente e con il mondo cristiano
QUINTA CROCIATA
          Obbiettivo » riconquista di Gerusalemme
          Si svolge tra il 1217 e il 1221 ma senza concludere nulla
SESTA CROCIATA (1228- 1229)
          Federico II di Svevia ottenne la liberazione dei luoghi santi per un decennio
          Gerusalemme fu però riconquistata dai turchi
SETTIMA CROCIATA (1248-1254)
          Promossa dal re di Francia Luigi IX il Santo
          Fallimento totale: il re viene sconfitto e catturato, ci fu una strage di cristiani
OTTAVA CROCIATA (1270)
          Muore sul nascere, quando il re Luigi IX muore di peste appena sbarcato in Africa settentrionale
          Vengono commissionate ancora molte crociate fino al 1500 ma non fu recato più nessun aiuto agli Stati franchi, l’ultima piazzaforte cristiana cadde nel 1291, San Giovanni d’Acri