Legge Coppino


dal Viaggio nelle scuole Italiane  tra ‘800 e primi ‘900

di Libera Maria De Padova

Un’ Importante svolta si ha in seguito alla Legge Coppino.

La Sinistra storica,  fra i suoi obiettivi politici,  oltre a promuovere la costruzione di una rete ferroviaria, allargamento del diritto di voto, la moderazione fiscale, la legislazione sociale, l’ammodernamento delle forze armate e l’avvio di una politica coloniale, tende anche a riformare la scuola dell’obbligo.

Nel 1877 abbiamo dunque la  legge Coppino  che, ribadendo l’obbligo dell’istruzione elementare già sancito dalla legge CASATI  ne colma una lacuna,  specificando anche le sanzioni che colpiscono gli inadempienti .Questi nuovi programmi , non facendo menzione dell’insegnamento catechistico  (già attenuati nei programmi del 1867), sostituiscono di fatto all’insegnamento della Religione quello dei DIRITTI E DOVERI DELLUOMO E DEL CITTà â‚¬DINO (educazione civica).  Si stabilisce l’obbligo scolastico dai 6 ai 9 anni d’età. La durata della scuola primaria viene fissata in 5 anni secondo il modulo 3 anni più 2 .

I nuovi programmi per la scuola elementare vengono definiti un decennio dopo(1888) con l’affermazione culturale della corrente filosofica del Positivismo.

  • torna all’indice della tesina Il Viaggio metafora della vita tesina esame di stato 2009, di Libera Maria De Padova, Dirigente di comunità