Lo Stato dei diritti – di Laura Alberico

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Nuovo governo e nuove aspettative per guardare ad un futuro
diverso e migliore per tutti. La compagine politica cercherà di coagularsi
attorno alle proposte di legge più importanti per risollevare la situazione
economica e sociale della nazione ma non sarà semplice anche se i ministri
eletti sembrano mostrarsi come
  un
radicale
  cambiamento rispetto al
passato.

La crisi ha purtroppo ferito in modo profondo il tessuto sociale, i
nuovi poveri costituiscono una parte consistente della popol’azione che fatica a
vivere ed anche a sopravvivere. Storie di quotidiana ingiustizia, di difficoltà
per molti  a mantenere la famiglia e ad
assicurare ad essa una vita dignitosa nel rispetto del dettato costituzionale.
Le leggi scritte sono sempre più avulse dalla realtà, difficile credere,
soprattutto per i giovani, che i desideri di indipendenza ed autonomia
economica si traducano in occasioni vere e concrete. La libertà è un diritto se
c’è la possibilità di scelta, se i condizionamenti e le privazioni non sono
limitanti e possono essere colmati o addirittura
  eliminati. La teoria organismica dei bisogni
di Maslow pone al primo livello il soddisfacimento dei bisogni materiali e
fisiologici,
  se questi non vengono
realizzati non sarà possibile accedere ai bisogni superiori che sono
progressivamente i desideri di sicurezza, appartenenza, stima e
  autorealizzazione ( conoscenze acquisite nel
corso della vita
  che rappresentano sia l’arricchimento che il  completamento  della personalità).  In poche parole se sussistono  carenti condizioni economiche che necessitano
di risposte immediate non sarà possibile trovare gratificazioni leggendo,
studiando e percorrendo i canali culturali che soddisfano i bisogni culturali
ed
  estetici. Un uomo povero non è un
uomo libero afferma don Ciotti
  e questa
frase ci introduce direttamente alla condizione di “stato dei diritti”. Su
questo fronte bisogna combattere e investire le risorse necessarie
riequilibrando le disparità sociali, sostenendo la formazione e l’integrazione,
proteggendo e aiutando le fasce più deboli che in questo periodo, purtroppo,
sono quelle più colpite dalla crisi.
 

Laura Alberico
Pubblicità
shares