Metonimia


 

Consiste nella sostituzione di un termine con un altro, con cui è in rapporto: la causa per l’effetto, l’effetto per la causa, la materia per l’oggetto, il contenente per il contenuto, lo strumento al posto della persona, lastratto per il concreto, il concreto per lastratto, il simbolo per la cosa simbolizzata.

 

  Citazione

  Referente

  Tipo di metonimia

 

 

saccendon le finestre ad una ad una 
come tanti teatri.
(V. Cardarelli, Sera di Liguria, 5-6)

 assursero in fretta dai blandi riposi,
chiamati repente da squillo guerrier. 
(A. Manzoni, Dagli atrii muscosi, dai Fori
cadenti
, Adelchi, 35-36)

 Mentre Rinaldo cos’ parla, fende
con tanta fretta il suttil legno londe,  
(L. Ariosto, Orlando furioso,
Canto XLIII, LXIII)

ma per le vie del borgo
dal ribollir de tini   
va laspro odor de i vini
lanime a rallegrar.
(G. Carducci, San Martino, 5-8)

Lingua mortal non dice 
quel chio sentiva in seno.
(G. Leopardi, A Silvia, 26-27)

Tutta vestita a festa
la gioventù del loco 
lascia le case, e per le vie si spande;
(G. Leopardi, Il passero solitario, 32-34)

porgea gli orecchi al suon della tua voce,
ed alla man veloce
che percorrea la faticosa tela.
(G. Leopardi, A Silvia, 20-22)

  e intanto vola
il caro tempo giovanil; più caro
che la fama e lallor,
(G. Leopardi, Le ricordanze, 43-45)

 

le finestre sono illuminate 

 

 

tromba                          

 

 

barca                            

 

dal mosto che bolle nei tini    

 

un uomo             

 

i giovani                

 

 

faticoso lavoro       

 

 

gloria poetica       

 

la causa per l’effetto

 

 

 

l’effetto per la causa 

 

 

la materia per l’oggetto 

 

il contenente per il contenuto

 

lo strumento al posto della persona  

 

lastratto per il concreto 

 

 

il concreto per lastratto 

 

 

il simbolo per la cosa

della classe 4c 2005  Sezione serale
Istituto di Istruzione Superiore
“L. Scarambone”  Lecce