Oimè il bel viso, oimè il soave sguardo, sonetto 267 del Canzoniere di Francesco Petrarca – di Carlo Zacco