Pena di morte: criterio moderno di giustizia o emotivo desiderio di vendetta?