PIACERE

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

 

ITALIANO

·        Leopardi, seguendo le teorie del sensismo, sostiene che l’agire dell’uomo è dettato dalla ricerca del piacere, anche se questo piacere non è mai raggiungibile, e l’uomo può solo sperimentare una pausa tra un dolore ed un altro. È il cosiddetto “piacer figlio dell’affanno”, che si esplica in una poesia come La quiete dopo la tempesta. Nell’altra poesia Il sabato del villaggio Leopardi spiega invece che talvolta l’uomo prova piacere pensando alle gioie che può riservare il futuro, anche se la festa, quando arriva, non appaga mai le grandi aspettative che erano state fatte (La sera del dì di festa)

·        Un romanzo di D’Annunzio si intitola Il piacere, ed è una sorta di autobiografia dell’esteta D’annunzio. Il protagonista vive la sua vita come soddisfacimento di capricci, cui si intrecciano talvolta giustificazioni spirituali e falsi pentimenti, ma che in realtà non fa altro che travolgere, nel suo egoismo, chi si affida a lui con sincerità, come Maria.

 

FILOSOFIA

·        Schopenauer.

Il piacere è puramente negativo e viene visto da Schopenauer come una pausa tra un dolore ed un altro (vedi sopra quanto detto su Leopardi)

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: