Piano di lavoro per il biennio


Storia

Obiettivi

Obiettivi generali
• intendere la storia non solo come successione cronologica di fatti ed eventi, ma considerare le civiltà  nei loro diversi aspetti economici, sociali e culturali
• apprendere la storia non solo seguendo la cronologia dei fatti ma con approccio panoramico cos’ da saper prontamente cogliere le analogie e le differenze tra i diversi eventi .
• essere in grado di operare salti cronologici, di stabilire nessi e relazioni fra fenomeni
• adottare proficuamente i procedimenti di analisi e sintesi

Obiettivi specifici:
• conoscenza precisa dei contenuti studiati
• miglioramento delle capacità  di rielaborazione personale e critica
• comprensione delle problematiche sociali e politiche delle epoche studiate e saperle porre in relazione con la realtà  attuale
• capacità  di collegare fatti e periodi e di operare confronti
• fondazione e/o consolidamento del concetto di fonte storica
• capacità  di collegare un argomento storico con la relativa fonte latina

Contenuti
In considerazione delle direttive ministeriali, ma sempre tenendo presenti le peculiarità  ed i ritmi del gruppo classe, si affronteranno le seguenti tematiche generali, dando più o meno spazio all’uno o all’ altro degli argomenti e/o operando sintesi ed integrazioni in base alle specifiche esigenze didattiche:
Per le classi prime:
• La preistoria e l’ingresso dell’uomo nella storia
• Le grandi civiltà  antiche (assiri, babilonesi, egizi, fenici, ebrei, persiani)
• Tappe e vicende fondamentali della storia della Grecia antica
• Roma: la fondazione e 1’età  monarchica
• Roma: 1’età  repubblicana (con particolare riguardo allo studio delle istituzioni)
• Roma: dalla tarda Repubblica alla prima età  imperiale

Per le classi seconde
 Roma: la seconda età  imperiale
 Il Cristianesimo
 La fine dell’impero d’Occidente
 I regni romano-barbarici e l’impero bizantino
 I longobardi
• La civiltà  araba
• Lalto medioevo: il feudalesimo e l’impero carolingio
• Il basso medioevo: l’Europa nell’anno Mille e la nascita dei Comuni

Metodi
Ogni argomento sarà  introdotto da una lezione puntuale dell’ insegnante che avrà  già  letto il capitolo del libro di testo relativo all’ oggetto della lezione. Gli allievi sapranno cos’, almeno nelle linee generali, di che cosa tratterà  la lezione e quindi focalizzeranno la loro attenzione sugli snodi del discorso piuttosto che sui semplici avvenimenti o concetti trattati.

Strumenti
Per il conseguimento degli obiettivi stabiliti si farà  utilizzo di ogni strumento
reputato utili e proficuo:
• libro di testo, come strumento privilegiato di studio
• cartine storiche, al fine di collocare gli eventi studiati nella dimensione spaziale corretta
• materiale integrativo fornito dall’ insegnante a seconda delle specifiche esigenze di approfondimento. In particolare si fa riferimento a passi scelti di autori latini classici, al fine di consentire l’acquisizione di familiarità  con le fonti storiche dei periodi trattati
• eventuali sussidi didattici (audiovisivi, Internet)

.Prove di verifica
• sia nel primo che nel secondo quadrimestre, non meno di due interrogazioni orali, completate dalle eventuali prove strutturate o semistrutturate di cui al punto seguente
• prove scritte svolte in classe in un’ unità  oraria, strutturate o semistrutturate, valevoli come completamento della valutazione orale

Criteri di valutazione
Si fa riferimento a quanto espresso precedentemente

Griglia di valutazione

Si fa riferimento alla griglia precedentemente proposta