Pino marittimo


di Maria Paola Viale

Nome volgare: Pino marittimo

Nome scientifico:  Pinus pinaster

Habitat: regione mediterranea, Europa sud-occidentale fino all’Italia centrale. Forma boschi su terreni sabbiosi e su roccia madre con reazione acida, fino all’orizzonte montano inferiore.


Corteccia del pino marittimo o pinastro. Si noti, sulla destra, una colata di resina (materia giallognola), sintomo che l’esemplare è colpito da cocciniglia del pino

Habitat: corteccia profondamente screpolata di colore bruno-rossiccio.

Foglie: aghi appaiati su brachiblasti di color verde scuro, rigidi, coriacei e allungati fino a 20 cm.

 


Aghi

Impieghi: coltivato per usi forestali specie nei rimboschimenti. Fornisce, assieme ad altre specie l’olio essenziale di trementina.

Propagazione: per seme.

 


Una plantula di pino marittimo germina dopo il passaggio di un incendio

Fitopatie: è terribilmente minacciato dalla Cocciniglia del Pino marittimo (Matsucoccus feytaudi). Specialmente in Liguria, questo parassita sta causando la morte di intere pinete. 
INTERVENTI: diradamenti selettivi specialmente nelle pinete più fitte e sostituzione con latifoglie arboree e arbustive autoctone (leccio, roverella, corbezzolo, orniello).

 

da “La flora del Bosco Ceriana (Imperia)” di Maria Paola Viale

Paola Viale

Insegnante di scuola primaria in Liguria

One thought on “Pino marittimo

I commenti sono chiusi.