Preistoria della Grecia (fino al II millennio a. C.)

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

 

Unica fonte: Archeologia di Tucidide

breve riassunto di storia greca di Alissa Peron

Nel Paleolitico i primi insediamenti umani si hanno nell’area della Calcidica, ma gli abitanti erano cacciatori e raccoglitori; nelNeolitico si ha lo sfruttamento stabile del territorio. Già dal Neolitico vi sono scambi con l’area del vicino Oriente, per l’approvvigionamento delle risorse primarie (sono documentati oggetti in metallo ma limitati). IL periodo dell’inizio dell’età del bronzo è di unità culturale grazie allo sviluppo delle relazioni economico-commerciali; si parla di centri protourbani (difesi da mura, per Tucidide elemento importante per distinguere popoli forti e deboli); è un periodo di progresso e di sviluppo della metallurgia: la necessità  di lavorare il bronzo incrementò gli scambi perché la Grecia era povera di rame e stagno, l’uno si trovava a Cipro, l’altro nel Nord Europa o nel Caucaso. Nascita di identità regionali: area elladica (Peloponneso), minoica (intorno a Creta), cicladica (parte orientale e peninsulare, isole Cicladi), troiana (Asia Minore). I resti archeologici fanno pensare ad un’alternanza di avanzamento e regressione, ed evidenziano che nell’area cicladica  era sviluppata la marina (padella con raffigurata una nave). Fonti usate da Tucidide per la sua archeologia: poesia epica e mito (con riserve), tradizioni orali  conservate di alcune famiglie aristocratiche, testimonianze tratte dalla cultura materiale (resti archeologici estemporanei). Limite di questo lavoro: ha valore programmatico, serve ad introdurre il lavoro  successivo con continue contrapposizioni. Egli contrappone Sparta, potenza di terra, e Atene, potenza navale,con anacronismi dovuti al fatto che esse sono le città oggetto della sua ricostruzione della guerra del Peloponneso: i dati contenuti nell’archeologia sono più utili alla storia contemporanea all’autore che a quella arcaica, non vi è grande coerenza cronologica in questa sezione dell’opera tucididea. Prima fase di abitazione della Grecia: mancanza di popolamento stabile, economia di caccia e razzia, assenza di sfruttamento del suolo, assenza di mura (segno di debolezza, popolazioni che non cercano di difendersi); idea di Tucidide: non c’è sviluppo né potenza senza insediamenti stabili.

Pubblicità

Un pensiero riguardo “Preistoria della Grecia (fino al II millennio a. C.)

I commenti sono chiusi

shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: