Quesiti di PEDAGOGIA E METODOLOG

BRP1 – ESAMI DI MATURITÀ MAGISTRALE SPERIMENTALE 1997

 

PROGETTO BROCCA

 

Indirizzo: SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO 

 

Quesiti di PEDAGOGIA E METODOLOGIA DELLA RICERCA SOCIO-PSICO-PEDAGOGICA

 

1. Oggi l’educatore esercita la funzione di mediatore del processo educativo servendosi della tecnologia educativa, cioè di un insieme di sussidi, strumenti, materiali, funzionali allo svolgimento di questo ruolo.

Il candidato dica:

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   perché l’educatore è considerato un mediatore;

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   quale uso l’educatore deve fare degli strumenti/materiali dal momento che gli stessi sono “mezzi”;

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   quale differenza intercorre tra la funzione di “mezzo” e quella di “mediatore”.

 

2. “Dobbiamo distinguere tra progresso educativo ed educazione progressiva, non per opporli, ma per mostrare come quest’ultima non è altro che la fase di maggior maturità raggiunta dal primo, ossia il progresso appartiene anche alla tradizione”.(F. De Bartolomeis, Cos’è la scuola attiva)

Il candidato illustri:

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   la differenza tra progresso educativo ed educazione progressiva;

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   il rapporto esistente tra educazione progressiva e tradizione;

Dica inoltre come superare, nel campo pedagogico, l’artificiosa contrapposizione tra vecchio e nuovo.

 

 

3.  Il Centro italiano di Solidarietà, organizzazione internazionale, riconosciuta dalle Nazioni Unite e dall’Unione Europea, sostiene che, rispetto alla comunicazione interculturale “la lingua non è un problema” ovvero che “non è un problema di lingua”.

Gli operatori del Centro, oltre a parlare molte lingue, parlano anche con mani, piedi, occhi.

Il candidato illustri:

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   la differenza tra le due affermazioni (la lingua non è un problema – non è un problema di lingua);

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   le teorie psicologiche, sociologiche, pedagogiche che riguardano i linguaggi altri;

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   il ruolo del corpo nei rapporti umani.

 

4. Daniel Pennac, noto romanziere e professore di francese in un liceo parigino, affrontando il problema della disaffezione alla lettura dei giovani, ha elaborato un decalogo dei diritti imprescrittibili dei lettori tra i quali, il primo, è il diritto di non leggere.

Il candidato dica:

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   quali sono i motivi della disaffezione alla lettura;

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   quali strategie l’educatore può mettere in atto per affezionare alla lettura;

SYMBOL 183 f “Symbol” s 10 h   qual è il motivo per cui Pennac afferma il diritto di non leggere come mezzo per arrivare a leggere.

_____________________________________________________

 

Il candidato è tenuto a svolgere due quesiti, scelti tra quelli proposti.

Durata massima della prova: 6 ore.

E’ consentito soltanto l’uso del vocabolario della lingua italiana.

Non è consentito lasciare l’Istituto prima che siano trascorse 3 ore dalla dettatura del tema.