Riassunto del primo capitolo del romanzo Moby Dick

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Riassunto del primo capitolo del romanzo Moby Dick

di Hermann Melville

Ismaele decide di mettersi in mare come marinaio e spiega che nella sua anima alberga la malinconia. Una nostalgia indicibile lo spinge a prendere il largo. Si tratta di qualcosa di irrinunciabile. Ognuno ha una misteriosa attrazione per ciò che pure potrebbe costituire un pericolo mortale. Come il suicida si getta sulla spada, così Ismaele non può fare a meno di affrontare il mare. In realtà sono molti i newyorkesi attratti dal mare, che contemplano con desiderio, sognando viaggi e terre lontane, oltre le navi attraccate al molo. Vorrebbero per una volta lasciare la loro vita monotona, ma sono troppo legati ai loro mestieri sulla terra, inchiodati alle scrivanie e ai tavoli da lavoro. Alcuni di essi provenienti dai vicoli più scuri, sembra vogliano tuffarsi, ma si fermano sul limite dellacqua. Ad Ismaele sembra che ogni strada porti allacqua, anche quando uno cammina nel deserto o in un sentiero di campagna. Luomo tende allacqua, forse senza neanche accorgersene. Anche nei quadri paesaggistici, il pittore, inconsapevolmente, riserva alla corrente di un fiume il primo piano. Senza questa straordinaria importanza dellacqua non si spiegherebbero i viaggi per contemplare le cascate del Niagara, lemozione di sentirsi al largo e la sacralità attribuita al mare dagli antichi Persiani e Greci. Non dimentichiamoci il mito di Narciso, che nelle acque si tuffa e annega volontariamente. Quindi Ismaele, che fa il marinaio, può godersi il mare, oltretutto essendo pagato per questo, a differenza dei passeggeri che devono pagare per navigare. La Provvidenza volle che Ismaele, marinaio mercantile, si mettesse in testa, stavolta, di andare a cacciare balene. Anche lui provava una misterioso richiamo proveniente da quellanimale prodigioso e smisurato. Egli si prefigura la lotta con lanimale e, soprattutto, i luoghi remoti in cui lincontro-scontro sarebbe avvenuto. Anche se pericolosa, in fondo la balena è, per Ismaele, semplicemente un altro inquilino del pianeta terra, da non ignorare del tutto, come un vicino di casa. Per tutto ciò, Ismaele è pronto a fare i conti con lo spettro inquietante delle sue visioni: la balena bianca.

Samuele Gaudio

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: