Ricerca sul Romanzo Gotico

Per Letteratura gotica (o, semplicemente, romanzo gotico) si intende un tipo di letteratura sviluppatasi, attraverso un tipo di romanzo ben caratterizzato, nel corso del Settecento.

Gotico è un temine usato in architettura per indicare lo stile caratterizzato da archi acuti molto slanciati verso l’alto, grandi rosoni intarsiati e alte guglie, con cui venivano costruite imponenti cattedrali nell’XI e nel XII secolo. Questa parola di origine rinascimentale ha come significato generico quello di barbaro” ( l’antico popolo barbaro I GOTI”), selvaggio distruttore della tradizione classica. Per comunanza di elementi fantastici e spirituali è stato dato lo stesso nome al genere letterario nato nella seconda metà del settecento in Inghilterra. Infatti il romanzo gotico (chiamato anche nero) è caratterizzato da unabbondanza di luoghi religiosi tetri e pittoreschi come conventi, abbazie, oppure antichi castelli, labirinti, rovine. E ambientato solitamente in epoca medievale, età che però non interpreta nella sua realtà culturale e sociale. Il medioevo cupo, sinonimo di barbarie e di violente passioni offre ai lettori il piacere di un coinvolgimento in un’atmosfera oppressiva. Diventa uno spazio narrativo ideale di sogno e di mistero, che trasuda angoscia ed avvolge col fascino dell’irrazionale.

 

L’iniziatore del genere è considerato Horace Walpole con il suo libro “Il castello di Otranto“.

Il romanzo gotico è spesso ambientato nel medioevo, epoca buia per antonomasia, e i luoghi in cui si svolgono le vicende sono spesso tetri e tenebrosi. I personaggi che animano il romanzo gotico sono spesso ambigui, misteriosi, preda di passioni violente.

 

CRONOLOGIA DEL ROMANZO GOTICO

1764, Il castello di Otranto, Horace Walpole
Primo romanzo del genere, vi si trovano i luoghi comuni del castello italiano dal fascino esotico tanto caro agli inglesi. Le ambientazioni cupe e i fantasmi sono il leitmotiv del romanzo.
1794, I misteri di Udolpho, Ann Radcliffe
1796, Il monaco, Mattew Gorge Lewis
1797, L’italiano, o il confessionale dei penitenti neri, Ann Radcliffe
1814, La meravigliosa storia di Peter Schlemihl, Adalbert Von Chamisso.
1815, Gli elisir del diavolo, Ernst Theodor Hoffman
1819, Frankenstein, o il moderno Prometeo, Mary Shelley
1819, Il Vampiro, John Polidori
1820, Melmoth l’errante, Charles Maturin
1843, I racconti del grottesco e dell’arabesco, E.A. Poe
1886, Lo strano caso del dottor Jekill e del signor Hide, R.L. Stevenson.
1897, Dracula, Bram Stoker
Quest ultimo non ha bisogno di tante presentazioni: il più amato forse, sicuramente il più copiato e rivisitato.

fonte: wikipedia.it