Silenziare e tagliare le ali – di Giovanni Ghiselli

Educatori sono in modi diversi i genitori, i  professori, gli scrittori e anche i leader
politici che dovrebbero guidare sulla via retta un popolo intero.
Ebbene la gioia dell’educatore è suscitare energie morali e
mentali, accrescere le capacità  linguistiche dei discepoli e dare loro  facoltà  di esprimersi in maniera libera.

Il
maestro è felice quando vede che ai suoi discepoli crescono le ali e quando
constata che gli allievi sono in grado di impiegare le capacità  critiche che
hanno imparato da lui, anche contro di lui. L’educatore mentre insegna, vuole
imparare dai suoi studenti e dunque li ascolta con attenzione. Si ripaga male un maestro, se si rimane sempre suoi scolari.

Se dalla categoria educativa
passiamo a quella politica, il principio primo della democrazia è la libertà  di
parola. Senza questa, il potere del cosiddetto popolo sovrano è inesistente. Di
fatto il regime, anche se si chiama democrazia, è una tirannide camuffata. I
Greci dell’Atene classica usavano il termine parresia per significare la libertà  di parola e nello stesso tempo
la libertà  di pensare, di agire, insomma di vivere da uomo libero.
Vediamo un paio di testimonianze,
poiché le affermazioni serie, non da bar o da circo,  devono essere documentate.
In greco
libertà  di parola si dice
 parrhsiva  (da pa`~ e rJhtov~), e significa   la possibilità  che tutto sia
dicibile da ciascuno di noi. Ebbene parresà­a
può essere indicata come parola chiave della democrazia a partire dallo Ione[1]
di Euripide dove il protagonista esprime il desiderio di ereditare da una madre
ateniese questa facoltà , recandosi da Delfi ad Atene, poiché lo straniero che
piomba in quella città , anche se a parole diventa cittadino, ha schiava la
bocca senza la libertà  di parola ( vv. 674-675).
 Analogo concetto si
trova nelle Fenicie[2]
quando  Polinice, bandito da Tebe dal
fratello Eteocle, risponde alla madre sulla cosa più odiosa per
l’esule:”una soprattutto, che non ha libertà  di parola” (v. 391),.
Infatti, conferma Giocasta, è cosa da schiavo non dire
quello che si pensa. Ma questa parola non è monopolio degli Ateniesi né dei
Greci
Parres’a
compare decine di volte nel greco del Nuovo Testamento.
Ne riporto una occorrenza dal Vangelo di Giovanni: quando il sommo sacerdote interrogò Gesù sui
suoi discepoli e sulla sua dottrina, Cristo rispose: ” io ho parlato al mondo
apertamente ( con parres’a appunto) e ho sempre insegnato nella sinagoga e nel
tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e non ho mai detto nulla di
nascosto”  (18, 20)
Su questa parola chiave gioca Victor Hugo quando riporta queste frasi “ingenuamente sublimi”
scritte da padre Du Breul nel sedicesimo secolo: “Sono parigino di nascita e
parresiano di lingua, giacché parres’a
in greco significa libertà  di parola della quale feci uso anche verso i
monsignori cardinali”[3].
Non vedete scritto nulla che non sia testimoniato.
E’ testimoniato anche l’ideale educativo del dotare di ali i
propri discepoli: “io ti ho dato le ali per volare sul mare infinito e per
sollevarti sulla terra tutta”  scrive
Teognide, un poeta del VI sec. a. C., rivolgendosi al suo pupillo Cirno.
Ma ora, con volo pindarico, veniamo al presente. Oggi il
signor Mario Monti, presidente del consiglio dimissionario e aspirante premier
per i prossimi anni, ha suggerito al segretario del PD Bersani di “silenziare”
la parte sinistra del suo partito, e a tutti gli altri di tagliare le ali
estreme dello schieramento. E’ un professore, un educatore, un uomo politico,
un cristiano costui?
oJ e{{cwn wta ajkouevtw[4], qui habet aures,
audiat
, chi ha orecchi ascolti, e capisca.
Giovanni Ghiselli  g.ghiselli@tin.it


[1] Del 411
a
. C .
[2] Rappresentata poco tempo dopo lo Ione. Tratta
la guerra dei Sette contro Tebe.
[3] Notre-Dame de Paris, p. 38.
[4]
Mattero, 13, 9.