Storie di sfruttamento minorile

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Ecco quando dietro all’imperfezione decantata si nasconde la piaga dello sfruttamento minorile

Fonte: tappetorientale.blogspot.com

Un luogo comune spesso speso dai commercianti per giustificare eventuali imperfezioni riscontrabili in alcune tipologie di tappeti orientali annodati, è quello che l’imperfezione rappresenti garanzia di un lavoro svolto manualmente.
Discorso anche condivisibile quando si tratta di produzioni rurali o nomadiche, siano esse antiche o vecchie, ma da rifiutare categoricamente quando lo si vuole attribuire a tappeti sbilenchi di città o a tappeti rurali o di villaggio comunque contemporanei.
La richiesta del mercato occidentale, l’affinarsi delle tecniche di realizzazione ed il grande apporto del progresso a quest’arte: lane ritorte meccanicamente, telai prefabbricati solidi e stabili, carta millimetrata, un’infinità di tinte ottenute sinteticamente, ecc ecc hanno fatto si che si imponesse sul mercato una generazione di manufatti ormai assolutamente perfetti.
I tappeti sbilenchi contemporanei, ovviamente esistono, ma lo sono solo perchè tappeti difettati, o realizzati da apprendisti o peggio ancora da bambini. Una piaga delle produzioni di seconda e terza scelta provenienti in specialmodo dal Pakistan è infatti il risultato dello sfruttamento minorile. Spesso i tappeti realizzati dai bambini sono proprio quelli più sbilenchi. Vengono realizzati da bambini che non essendo propriamente degli esperti, producono a basso costo manufatti “raffazzonati” o scadenti, che poi vengono immessi nel mercato occidentale come prodotti originali. La consapevolezza di queste dinamiche è senz’altro un’ottima arma per cercare di arginare la piaga infelice del lavoro minorile nei paesi del terzo mondo. Scegliere di acquistare manufatti di prima scelta significa operare una prima selezione del mercato che di fatto inficierà le produzioni basate sullo sfruttamento minorile. A questo proposito, va segnalato il grande lavoro svolto dalla “Rugmark foundation“, vera e propria fondazione dedicata alla battaglia allo sfruttamento minorile nel campo della fabbricazione dei tappeti e non solo.

 

 

————————————————————————————————————————

 

 

Gaza: sfruttamento minorile nei tunnels.

fonte: marsspirit.ilcannocchiale.it – 14 luglio 2009

CIMG1960 da te.

Gaza vista da Sderot

Foto: Piero P.

Che l’utilizzo dei tunnels tra l’Egitto e Gaza per contrabbandare di tutto fosse elemento di uno sfruttamento di persone costrette a vivere (e a morire) sotto terra unicamente per fare affari e per sostenere, direttamente o indirettamente, Hamas lo si poteva supporre.

Nonostante le anime belle del “Free Gaza Movement” che vedono in questo unicamente la ‘bieca’ azione di Israele.

E il caso della denuncia che arriva da una fonte insospettabile -anche se forse ‘concorrente di Hamas- il Palestinian Centre for Democracy and Conflict Resolution (PCDCR)  che rivela come sia in atto un vero e proprio sfruttamento di minori.

Questa la nota dell’AFP apparsa oggi sulla stampa israeliana:

“Anwar, 15 anni, non sa leggere o scrivere, ma dice che lavora bene nel lavoro del traforo. Ha bisogno di un nuovo lavoro dopo che gli aerei israeliani hanno bombardato il suo postodi lavoro, uno dei centinaia di tunnel di contrabbando al confine tra l’Egitto e Gaza.

‘School is useless.’ Gaza tunnel Photo: AFP

La sua voce è roca e sguardi duri alterano la sua giovane età, ma il suo piccolo, corpo flessibile è quello che rende un candidato perfetto per il lavoro.

E, come migliaia di altri bambini nella striscia di Gaza impoverita e frantumata dalla guerra, la sua famiglia ha estremo bisogno di soldi. Il lavoro è comparativamente lucrativo, con i bambini che si ricevono 30 dollari per un’attività di 12 ore.

 

“Ho sei fratelli. Sono io il capo famiglia per la mia famiglia”, dice Anwar.

Lo dice sostenendo che non è necessaria alcun forma di istruzione.

“La scuola è senza senso”.

Alla domanda di notizie sull’offensiva israeliana che ha ucciso più di 1.400 Palestinesi ed è stata devastante per Gaza, Anwar scrolla le spalle. “La cosa peggiore circa la guerra è che ho speso tutto i miei risparmi che mi venivano dal lavoro nei tunnels.”

Gli aerei militari hanno bombardato molto la zona di frontiera di Rafah durante la guerra di 22 giorni che si è conclusa il 18 gennaio ed ancora in parecchie occasioni poiché, considerano i tunnels come bersaglio dato che sfidano il blocco di Israele blocco alla striscia litoranea sovrapopolata.

“Portiamo qualsiasi cosa che si possa. Alimentari, scarpe, giocattoli, frigoriferi, forni. Anche automobili, le smontano, le hanno tagliate a metà e le hanno ricostruite a Gaza”, dice Anwar.

Israele sostiene che Hamas, gli islamici al governo a Gaza, utilizzi i tunnels per importare i razzi e i mortai che fanno fuoco contro Israele.

Anwar insiste a dire che nel tunnel in cui ha lavorato ha portato soltanto merci commerciali. “Mai le armi, il governo ha tunnels speciali per questo”.

Lo dice senza preoccupazione circa gli attacchi aerei israeliani. “Gli ebrei sono il nostro nemico. Non sono spaventato per questo”.

Gli operatori dei tunnels dicono che anche l’Egitto sta operando sempre più contro i contrabbandieri pompando gas nei sotterranei, acque luride o lanciando esplosivi nei tunnels.

“Tre persone sono morte nei tunnels qui intorno in questa settimana”, ha detto un uomo che si lascia identificare soltanto come Mohammed, durante una pausa all’entrata del suo tunnel (un pozzo profondo 10 metri, circa 30 piedi).

Tende o baracche di mattoni coprono le entrate delle dozzine e più di tunnels. Un posto di guardia sorveglia questa “tunnel city”; contrassegna il confine, a circa 200 metri.

“Il tunnel è stato distrutto cinque volte dal lato egiziano”, dice Mohammed, mentre gli operai all’interno caricano terra e macerie del tunnel su un carrello che è collegato a un generatore che fa funzionare la puleggia elettrica.

Nega di impiegare nei lavori ragazzi, comunque nella gran maggioranza dei tunnels i proprietari occupano i giovani.

Un recente studio del Palestinian Centre for Democracy and Conflict Resolution (PCDCR) ha messo in luce come più della metà delle 16.000 persone che lavorano nei tunnels abbiano unetà inferiore ai 18 anni, e come lo fossero 30 delle 115 persone uccise nei tunnels da quando, due anni fa, Israele ha imposto il blocco.

Il governo di Hamas dice che i tunnels sono legali in permanenza del blocco e che per le spese il comune di Rafah ha posto una tassa di 10.000 shekel (2.500 dollari/1.800 euro) per aprirne uno.

10.000 shekel di tassa per un tunnel (Foto: AFP)

Ma quello che è illegale secondo legge palestinese è di occupare i bambini sotto l’età di 16 anni, dice Iyad Abu Hujaier del PCDCR.

Il lavoro del traforo è sia pericoloso che estenuante. “Ero nel mezzo del tunnel. L’Egitto ha messo un certo gas dentro. Tre operai sono morti, 18 sono stati trattati per l’asfissia, ” dice Osama di14 anni.  

” Ho deciso di non andare più, ma mio padre è morto e in questo modo sono stato costretto a andare ancora per circa un mese”, dice Osama, che sta spendendo gran parte delle vacanze scolastiche estive in un centro giovanile finanziato dallUNICEF, lagenzia per i giovani delle NU.

Il suo amico Mohammed di 15 anni è risoluto: “Non voglio ritornare nei tunnels. E orribile là”.

 

Hujaier dice la maggior parte dei bambini che lavorano nei tunnels usa il Tramadol,  conosciuto anche come Tramal, un antidolorifico che consente di produrre al massimo e di alleviare l’ansia.  

Per le famiglie, dice che non ci sono alternative ai lavori infantili, hanno bisogno disperatamente dei soldi.  

“Quando diciamo ai genitori che sono solo bambini e che hanno la necessità di godere della loro infanzia ci guardano come se venissimo dalla luna, ci invitano a smettere di non essere realistici”.  

Finchè il blocco israeliano rimarrà “questa crisi continuerà, i tunnels continueranno ed i bambini continueranno a lavorare nei tunnels”, dice Hujaier.  

Anwar inoltre è convinto che i tunnels debbano rimanere. “Quando io mi do da fare lo faccio perché voglio essere uno scavatore di tunnel professionista, perché in questo modo si guadagna molto denaro”.

Dangerous and exhausting work Photo: AFP

Fonte: libera traduzione di Piero P. da “Ynetnews” – 14.07.09

 

 

 

————————————————————————————————————————

 

 

LA WAL MART, FAMOSA CATENA DI SUPERMERCATI, INDAGATA PER LO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE

fonte: Maydur

mercoledì 4 novembre 2009

Wal-Mart, il più grande “supermercato” del mondo, è coinvolto in uno scandalo del lavoro minorile negli Stati Uniti, dopo che bambini di cinque sono stati trovati a lavorare in una fattoria di mirtilli che fornisce la società.

Le rivelazioni sono autorità dopo che le autorità federali hanno fatto controlli a campione sulle aziende nello stato del Michigan e ha rilevato che più della metà stanno violando il lavoro minorile o regole abitative dei migranti.

Gruppi per i diritti umani hanno intensificato i loro appelli in un giro di vite per le imprese agricole, dove dicono che i bambini sono regolarmente sfruttati. Le famiglie povere mettono i loro figli a lavorare per far quadrare il bilancio, mentre il boss dell’agricoltura lottano per soddisfare le richieste incessanti dei supermercati per le merci a basso prezzo.

Walmart e altre due catene di supermercati si sono detti a sospendere i rapporti con Adkin Blue Ribbon Packing Co., il fornitore al centro dello scandalo più recente.Walmart non comprerà niente da Adkin “in attesa dell’esito di un’inchiesta da parte dell’ etica team sourcing”, ha detto un portavoce della società.

Generale manager dell’Adkin Tony Marr detto che la società non tollererà l’uso dei bambini presso le proprie strutture . “Wal-Mart, Kroger e Meijer sono clienti molto grandi di noi”, ha detto. “Stiamo cooperando con loro nel fornire informazioni sulla nostra inchiesta interna, cercando di capire quello che i ragazzi stavano facendo lì.”

I bambini venivano messi a lavorare perché le loro piccole mani sono più efficienti a raccogliere i frutti piccoli. Essi portavano secchi di mirtilli secondo le riprese ottenute da ABC News.
Una ragazzina di nome Suli si trascinava dietro due secchi pieni di mirtilli raccolti dai suoi genitori e i suoi fratelli, di età compresa tra sette e otto. Un 11 enne presso l’azienda ha detto che raccoglieva mirtilli da tre anni.

Investigatori hanno trovato quattro bambini che lavorano nei campi Adkin durante una visita a sorpresa nel mese di luglio. Almeno due dei bambini avevano 12 anni. La legge federale non permette ai bambini di età inferiore ai 12 di lavorare nelle aziende agricole. I bambini che hanno 12 o 13 anni possono avere posti di lavoro non pericolosi al di fuori delle ore di scuola, con il consenso scritto dei genitori. In tutti gli altri settori, l’età minima per i lavoratori è di 14 anni .

Human Rights Watch, che sta conducendo una campagna per avere l’età minima paritaria , dice che le leggi riguardanti il lavoro minorile nelle aziende agricole riflettono un’epoca “passata”. Direttore esecutivo del gruppo, Lois Whitman, ha scritto al Congresso il mese scorso dicendo: “Oggi, la stragrande maggioranza dei lavoratori bambini agricoli non stanno lavorando nella terra dei loro genitori ‘, ma vengono assunti dalle grandi imprese commerciali, ed esposta ai rischi di un aumento pesante della meccanizzazione e all’uso dei pesticidi.

Thomas Thornburg, avvocato di Farmworker Legal Services, ha detto che le violazioni del diritto del lavoro dilagano tra le aziende che utilizzano lavoratori migranti. “Questo non è un datore di lavoro abusivo”, ha detto dopo l’inchiesta ABC News a Adkin.
Michigan è il primo produttore di mirtilli all’America. Controlli federali di 35 fattorie nello stato ha portato a otto di queste ad essere multata per aver violato le leggi sul lavoro minorile.

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: