Sviluppo sostenibile

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

tema svolto

Traccia:

Rifletti su questa definizione di sviluppo sostenibile, tratta dal sito del Volontariato Internazionale per lo Sviluppo “Il concetto di sviluppo sostenibile sintetizza un problema di grande complessità. ovvero come rendere compatibili le esigenze dell’economia con le ragioni dell’ambiente, a livello dell’intero pianeta. Le riflessioni intorno a questo nodo sono scaturite dalla consapevolezza, emersa nel corso degli anni settanta, di una “sostanziale contraddizione tra la crescita continua del prodotto lordo materiale dei diversi paesi e la limitatezza delle risorse, nonché della capacità dell’ambiente di assorbire i rifiuti e le emissioni inquinanti”

Svolgimento:

L’assillo della sovrappopolazione si aggiunge a quello di uno sviluppo altamente inquinante e di una tecnologia che ha gravi ricadute sull’ambiente. Quale sarà il futuro che attende i nostri figli? Per rispondere a questa domanda è importante capire se ci troviamo in una situazione di sviluppo sostenibile, ovvero in un processo duraturo di crescita del benessere per tutti.

Cerchiamo però di esplicitare alcuni concetti che stanno dietro la definizione di sviluppo sostenibile data in precedenza.

La “crescita del benessere” non può consistere solo nell’aumento del Prodotto Interno Lordo, ma anche la presenza di democrazia, libertà e diritti fondamentali dell’uomo sono da considerare “benessere”. Il processo, si diceva, deve poi essere “duraturo”. Insomma, eventi come guerre, epidemie, carestie, ecc… non devono mettere in discussione lo stile di vita. Inoltre, le risorse energetiche devono essere inesauribili, o, se sono esauribili, devono poter essere sostituite da altre risorse. Infine è da sottolineare il “per tutti”. Insomma lo sviluppo deve essere inteso in un’ottica globale, e non deve più esserci, come adesso, una disparità fra le condizioni degli uomini alle diverse latitudini. Uno degli obiettivi principali dell’ONU è proprio quello di portare l’intera popolazione mondiale sopra la soglia della sopravvivenza. Riflettendo sugli aspetti presi in considerazione in precedenza, dobbiamo ammettere che non siamo ancora in una situazione di sviluppo sostenibile. Infatti, ancora un quinto dell’umanità vive in povertà. Inoltre, le risorse ambientali sono in via di esaurimento. I diritti umani fondamentali vengono deliberatamente violati in troppi angoli del pianeta. Tredici milioni di bambini hanno perso i genitori per colpa dell’AIDS. Gli eventi climatici catastrofici costano alla collettività una cifra che si aggira intorno ai 15 miliardi di dollari ogni anno. Soprattutto, però, sono i danni ambientali causati da una tecnologia inquinante a destare i maggiori problemi. La soluzione va quindi trovata in un’energia più pulita, in un consumismo meno sfrenato, in un controllo non invasivo delle nascite. Si tratta, come è logico che sia, di un insieme di cambiamenti, che non può aver luogo se non c’è anzitutto la coscienza del problema. Diciamo, in conclusione, che almeno la consapevolezza di non poter più sostenere uno sfruttamento del pianeta a questi ritmi, potrebbe già essere un primo passo per la soluzione di alcuni problemi, in modo più proficuo di qualsiasi ottimismo o catastrofismo.

Pubblicità

Un pensiero riguardo “ Sviluppo sostenibile

I commenti sono chiusi

shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: