Terapie in fase di ricerca con cellule staminali

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

3.3 TERAPIE IN STATO DI RICERCA

Mentre si applicano le prime terapie, ce ne sono molte altre in stato di ricerca, che cercano cure per malattie anche mortali come le malattie neurodegenerative, quelle del sistema muscolare, gli infarti e molte altre patologia. Di seguito citerò brevemente qualche terapia allo studio.

 

Morbo di Parkinson: Il morbo di parkinson è una malattia dovuta al degenero di alcune cellule celebrali che non riescono più a produrre una sostanza: la dopamina, che è essenziale per il funzionamento del cervello. Alcuni gruppi di ricerca stanno analizzando le staminali del cervello, scoperte di recente, e le staminali embrionali, per poter un giorno sostituire le cellule difettose.

 

Cuore: Sono in studio terapie per la cura delle lesioni al cuore dovute a infarti. Dopo un infarto sul cuore si crea una cicatrice, cioè delle cellule morte, che compromettono il funzionamento del cuore. Alcuni ricercatori stanno studiando cellule staminali del cuore stesso, cellule staminali del midollo osseo e altri tipi di staminali per generare tessuto cardiaco. Un altro studio prevede l’uso di fattori di crescita che stimolino la produzione di staminali del paziente stesso.

 

Diabete: Esiste una forma di diabete, il diabete I, che colpisce sin dall’età d 13-15 anni e che costringe i pazienti ad assumere quotidianamente insulina per tutta la loro vita. L’organo che produce l’insulina è il pancreas, e in particolare le isole di Langerhans in esso contenute. Negli anni ’80 circa si è sperimentato il trapianto di Pancreas. La tecnica del trapianto però obbliga il paziente ad assumere medicinali antirigetto per tutta la vita, e spesso ci sono effetti collaterali. Quindi il trapianto, nel caso del diabete porta più svantaggi che vantaggi. Nel 1999 un gruppo canadese ha attuato una procedura per trapiantare solo le isole di Langherans, ora però, a 8 anni di differenza i risultati sperati non sono giunti perché dopo pochi anni la produzione di insulina è tornata a calare. Le cellule staminali potrebbero permettere di trapiantare solo le cellule che generano l’insulina (cellule beta). Per questo negli ultimi anni sono in studio cellule del fegato, cellule del midollo osseo e cellule embrionali, per creare cellule beta da trapiantare.

 

Lesioni spinali: Anche per quanto riguarda le lesioni spinali sono in studio cellule staminali che permettano il rigenero delle parti di midollo spinale (il midollo osseo della colonna vertebrale) andate distrutte in seguito a un trauma.

Torna all’indice della tesina La scoperta delle cellule staminali: Aspetti scientifici e filosofici di Cristiano Parisi

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: