Varsavia

Polonia: lezione di geografia

Immagine correlata

Varsavia - Stemma

Varsavia è la capitale della Polonia, principale centro scientifico, culturale, politico ed economico e maggiore città del paese.
Vi si trovano le sedi del parlamento, del presidente della repubblica, dei ministeri e dei principali uffici dello stato.
Il nome della città deriva dalla fusione del nome del pescatore Warz e della sirena della Vistola Sawa ( la Vistola è il fiume più lungo della Polonia ), entrambi personaggi di una leggenda.
Varsavia è nata dalla divisione della Polonia dovuta dal re Bolesario III per evitare una lite fra i suoi figli.
Nel XVIII e XIX secolo, Varsavia era conosciuta come Parigi del nord” per i suoi ampi viali alberati e la sua struttura architettonica classicheggiante e di ampio respiro.
Però dopo la seconda guerra mondiale Varsavia venne completamente distrutta e quando fu ricostruita, perse il suo carattere e l’assetto urbanistico.
Dopo la ricostruzione della città, Varsavia fu caratterizzata anche dall’architettura del realismo socialista come nel Palazzo della cultura e della scienza”.
Uno dei maggiori punti di turismo è la Città Vecchia che corrisponde alla Vecchia Varsavia”, il primo nucleo urbano che successivamente creò quella che ora è la capitale della Polonia.
Il cuore della Città Vecchia è la Piazza del Mercato da cui sfociano varie viuzze di stile barocco e neoclassico.
Nella parte meridionale della Città Vecchia si trova la Piazza del Castello” dominata dal castello reale, residenza ufficiale dei monaci polacchi e ufficio del re e della corte reale della Polonia.

Castello Reale

Sulla Piazza si trovano la colonna di Sigismondo: punto di ritrovo dei varsaviani e maggiore simbolo della città.

Castello Reale di Varsavia