Agesilao, un grande spartano

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Versione tradotta

Cornelio Nepote

Senza dubbio dopo la battaglia di Leuttra gli Spartani non si riebbero più e non riacquistarono l’egemonia di prima, mentre nel frattempo Agesilao non smise mai di aiutare la patria in qualunque modo. Infatti, poiché in particolar modo gli Spartani avevano assoluto bisogno di denaro, egli allora andò in soccorso di tutti quelli che si erano ribellati al re; da loro ebbe in compenso molto denaro e recò sollievo alla patria. Ed a questo proposito, fu soprattutto degno di ammirazione il fatto che quantunque fossero recati a lui ricchissimi doni dai re e dai dinasti e dalle città, egli mai nulla si portò a casa sua, nulla mutò del tenore di vita, nulla del modo di vestire degli Spartani. Visse contento di quella stessa casa nella quale era vissuto Euristene, il capostipite dei suoi antenati; chi vi entrava non poteva scorgerci alcun segno di mollezza, né di lusso. Era infatti così messa che non differiva in nulla da quella di qualsiasi povero e privato cittadino.
E quest’uomo tanto grande, come aveva avuto generosa la natura nella elargizione delle virtù morali, così la sperimentò maligna nelle complessione del corpo: fu di bassa statura ed esile di corpo e zoppo. Questo difetto gli dava anche una certa deformità e quelli che non lo conoscevano, quando guardavano le sue fattezze, spesso lo disprezzavano; ma quelli che conoscevano le sue virtù, bruciavano di ammirazione ancora di più.

Pubblicità

Un pensiero riguardo “Agesilao, un grande spartano

I commenti sono chiusi.

shares