CATALIZZATORI

Sostanze che modificano la velocità di una reazione chimica senza subire alcuna variazione nel corso della trasformazione.

Gli enzimi, ad esempio, sono catalizzatori estremamente potenti; essi svolgono un ruolo essenziale negli organismi viventi rendendo possibili reazioni che, in loro assenza, richiederebbero temperature eccessivamente alte.

Si parla di catalisi omogenea quando il catalizzatore si trova in soluzione con i reagenti oppure nella loro stessa fase. In questo caso, esso si combina con uno dei reagenti formando un intermedio di reazione che a sua volta è in grado di reagire molto facilmente con gli altri. L’azione del catalizzatore non influisce sulla posizione dell’equilibrio chimico in quanto aumenta contemporaneamente anche la velocità di decomposizione dei prodotti nei reagenti.

Si parla invece di catalisi eterogenea, o di contatto, quando il catalizzatore si trova in una fase separata da quella dei reagenti. I catalizzatori di contatto sono materiali che hanno una elevata capacità di adsorbire molecole di gas o di liquidi sulla superficie.

Un esempio di catalisi eterogenea è la reazione dell’ossido di carbonio con l’ossigeno per formare diossido di carbonio, che viene catalizzata da platino finemente triturato. Questa reazione viene sfruttata nelle marmitte catalitiche montate sulle auto, per eliminare il monossido di carbonio dai gas di scarico.

Alcune sostanze, dette promotori, non manifestano direttamente proprietà catalitiche, ma accrescono l’efficacia dei catalizzatori. I materiali che invece inibiscono l’azione di un catalizzatore sono detti inibitori; ne sono esempio i numerosi composti di piombo che limitano l’efficacia del platino; per questo motivo, le macchine dotate di una marmitta catalitica per l’emissione controllata dei gas di scarico devono necessariamente utilizzare benzina senza piombo.

I catalizzatori sono attualmente molto importanti nel settore dell’industria: un gran numero di processi industriali, infatti, si ottiene mediante reazioni catalizzate. Uno dei settori di ricerca più avanzati nel campo dei catalizzatori è quello che riguarda gli enzimi: gli enzimi naturali sono usati da molto tempo nel settore industriale, ma soltanto il 20% di essi è disponibile in quantità ragguardevoli. I biotecnologi stanno attualmente cercando metodi per aumentare lo sfruttamento di queste risorse naturali, anche per sviluppare la sintesi di enzimi semisintetici da utilizzare a scopi specialistici.

di Elena

Attenzione: la fonte principale di questa ricerca è l’ Enciclopedia Microsoft® Encarta® 99.

Clicca qui per ulteriori informazioni: