“Cent’anni di solitudine” di Gabriel Garcìa Márquez, commento di Daniele Sammartino