Warning: array_flip(): Can only flip STRING and INTEGER values! in /web/htdocs/www.atuttascuola.it/home/wp-content/plugins/permalink-manager/includes/core/permalink-manager-core-functions.php on line 169
Gli insediamenti - Portale Scolastico | Atuttascuola

Gli insediamenti

Gli insediamenti di Irma Lanucara

sintesi di Progettazione e costruzioni per programmazione semplificata

L’urbanistica è una disciplina che studia com’è fatta una città, per poterne conoscere meglio tutti i suoi aspetti, in modo da poter agire nell’interesse comune per modificare il territorio.

La materia urbanistica richiede l’intervento di molte competenze: quella amministrativa, quella legislativa, quella tecnica, perché per modificare le caratteristiche di una città è necessario che intervengano molte competenze (ad esempio, per costruire un palazzo bisogna sapere se su quel terreno è legalmente possibile costruire, bisogna sapere se il terreno è adatto alla costruzione, ecc.).

Il territorio e le sue componenti

Il territorio è un sistema complesso formato da diversi elementi, tra i quali:

-          gli insediamenti, cioè parti del territorio in cui è presente un insieme di persone;

-          le infrastrutture di rete, cioè quegli elementi che riguardano il trasporto delle persone e delle cose;

-          i grandi spazi liberi, cioè quelle aree che vengono utilizzate per attività agricola e pastorale, i parchi e le riserve naturali, ecc..

Gli insediamenti si distinguono in:

-          case isolate, cioè case molto distanti tra loro nel territorio;

-          nuclei abitati, cioè un insieme di case vicine, nelle quali devono abitare almeno cinque famiglie;

-          il centro abitato, che è un insieme di case vicine ed è caratterizzato dalla presenza di vari servizi (scuole, chiesa, stazione ferroviaria, ecc.). Un esempio di centro abitato è il villaggio o anche la città, che è la forma più complessa di centro abitato.

Gli insediamenti, inoltre, possono essere:

-          residenziali, come ad esempio le villette a schiera, i centri storici;

-          produttivi, come le fabbriche;

-          commerciali e direzionali, come i centri commerciali o le banche;

-          turistici, come le stazioni termali;

-          rurali, come le aziende agricole;

-          destinati ai servizi, come gli ospedali, i carceri, ecc..

Bisogna infine precisare che oggi non c’è una netta divisione tra città e campagna, grazie al miglioramento dei mezzi di comunicazione.