I diritti reali e di credito

 

APPUNTI DI DIRITTO

 

I DIRITTI REALI

I diritti reali (dal latino Res-cosa) hanno per oggetto delle cose che attribuiscono al titolale un potere PIENO  ( nel qual caso si parla di proprietà) o LIMITATO (nel qual caso si parla di diritti reali su cosa altrui) su un bene.

I diritti reali presentano particolari caratteristiche e sono:

Assoluti ( erga omnes)

Immediati ( cioè consentono al titolare di realizzare il proprio interesse senza la collaborazione di altri soggetti. Esempio: posso abitare nel mio appartamento senza che vi sia bisogno dell’attività giuridica di terzi).

Tipici ( vale a dire sono specificatamente previsti dalla legge ed e vietato ai privati di crearne di nuovi. Essi sono la proprietà, e i diritti reali su cose altrui ( usufrutto, uso e abitazione, servitù prediali, enfiteusi, superficie, pegno, ipoteca)

 

I DIRITTI DI CREDITO

Hanno per oggetto una prestazione di altri soggetti ed attribuiscono al titolare (creditore) il potere di pretendere che un altro soggetto determinato (debitore) tenga un certo comportamento.

Al contrario dei diritti reali i diritti di credito sono:

Relativi – Possono essere fatti valere solo nei confronti di soggetti determinati
Mediati – nel senso che il titolare ha bisogno della collaborazione del soggetto passivo per realizzare il proprio diritto.
Atipici – nel senso che la legge non prevede un elenco tassativo e inderogabile, ma è consentito ai privati di crearne nuovi tipi mediante lo strumento contrattuale (contratti atipici)

della classe 4c 2005  Sezione serale
Istituto di Istruzione Superiore
“L. Scarambone”  Lecce