Il codice eternity


ARTEMIS FOWL

di Eoin Colfer

Relazione di narrativa di Davide Raimondi

Autore:

Eoin Colfer è nato in Irlanda, a Wexford, nel 1965. Ha fatto l’insegnante per quindici anni e, dopo aver vissuto in Tunisia, Italia e Arabia Saudita, è tornato a stabilirsi nella sua città  natale. Ha scritto alcune commedie e sei libri per ragazzi (il primo è apparso nel 1998) che lo hanno reso popolarissimo nel suo paese, e di recente ha raggiunto la notorietà  internazionale grazie ad Artemis Fowl, divenuto un autentico caso editoriale ancor prima della pubblicazione

Riassunto:

Stavolta Artemis Fowl ha combinato davvero un grosso guaio! La sua ultima invenzione, il cubo, un minicomputer costruito usando la tecnologia fatata sottratta al popolo e in grado di localizzarne il rifugio sotterraneo, è caduta in mano a Jon Spiro , un miliardario pronto a tutto pur di scoprire i segreti del cubo per conquistare il mondo. Il cubo fortunatamente è protetto dal codice eternity, impossibile da decifrare perché non si basa su nessuno degli altri codici già  esistenti. Comunque per non correre rischi decide di distruggerlo, ma per fare questo Artemis ha bisogno dell aiuto del Popolo. Tutto era partito dal fatto che Artemis aveva proposto un accordo con Spiro ovvero, tenere il cubo fuori dal mercato per un anno in modo da non far fallire le industrie Spiro. Infatti jon aveva una serie di industrie informatiche e se il cubo sarebbe entrato sul mercato la vecchia tecnologia avrebbe perso tutto il suo valore. Durante il colloquio però, Spiro tende un agguato ad Artemis e gli porta via il cubo uccidendo quasi la sua guardia del corpo Leale. Artemis riesce a salvarlo grazie alla criogenia e alla magia di Spinella, infatti Artemis ha dovuto chiedere aiuto la popolo per salvare Leale e recuperare il cubo,ma ha dovuto accettare la condizione di perdere tutti i ricordi del popolo alla fine della missione. Leale viene salvato ma la magia lo ha invecchiato di una dozzina di anni e Artemis ha dovuto usare come guardia del corpo sua sorella Juliet che non aveva ancora completato l’addestramento, ma se la sapeva cavare benissimo. Bombarda sterro, il nano cleptomane, era riuscito a scappare all’arresto della LEP, la polizia del popolo, e ora lavorava per la mafia americana, ma si sarebbe trasferito non appena avrebbe potuto. Nel suo ultimo lavoro avrebbe dovuto rapire una persona insieme ad un collega, niente di particolare, se non fosse che la persona da rapire era Artemis Fowl. Appena lo venne a sapere Bombarda si mise in contatto con Artemis in modo da impedire al suo collega di finire il lavoro. Successivamente venne organizzato il recupero del cubo con l’aiuto di Spinella, Bombarda e polledro, il genio informatico in grado di disattivare ogni congegno di sicurezza. Attraverso mille pericoli e prendendosi non pochi rischi il gruppo riesce a recuperare il cubo che viene distrutto. A questo punto il popolo decide di cancellare ogni ricordo di Artemis e dei suoi amici sui folletti, ma Artemis fece scrivere i suoi ricordi su un medaglione e lo regalo a Bombarda con la promessa che appena si sarebbe liberato dalla prigione glielo avrebbe portato. Cos’ adesso Artemis non si ricorda più niente ma le avventure non sono finite e quando bombarda terrà  fede alla promessa ci sarà  un’altra entusiasmante avventura.

Personaggi:

Il personaggio principale è ancora una volta Artemis Fowl, il piccolo ragazzino dalla straordinaria intelligenza in grado di beffare anche il genio criminale di Jon Spiro. Altri personaggi sono la guardia del corpo Leale e sua sorella Juliet, il capitano della LEP Spinella Tappo, il nano cleptomane Bombarda Sterro, il centauro genio dell’informatica Polledro, il milionario Jon spiro e la sua guardia del corpo Arno Tozz acerrimo nemico di Leale.

Spazio:

La vicenda si svolge dapprima in casa Fowl in Scozia, successivamente nell’enorme palazzo di vetro di Jon Spiro in America dove Artemis affronta una nuova sfida nellarrivare al cubo

Tempo:

La vicenda si svolge ai giorni nostri dato che le tecnologie usate sono le stesse che conosciamo noi, tranne quelle del Popolo. Tutta la storia si svolge in circa una settimana o poco più, dallimboscata di Spiro alla cancellazione della memoria.

Stile:

L’autore uso uno stile molto semplice e scorrevole infatti la lettura del libro diventa divertente e appassionante, alcuni personaggi si esprimono in lingue diverse come i folletti che per scrivere i loro libri usano una lingua sconosciuta che è molto difficile da decifrare. Prevale il discorso diretto.

Narratore:

Il narratore è esterno alla vicenda e ne sa quanto i personaggi, non fa delle considerazioni proprie sulle vicende, ma si limita a raccontarle facendo anche una presentazione dei nuovi personaggi raccontandone la storia

Commento:

Il libro è una storia avvincente ed entusiasmante adatta a qualsiasi pubblico e lo consiglio a tutti perché non stanca, è coinvolgente e non troppo lungo

Un pensiero su “Il codice eternity

I commenti sono chiusi.