IL CONCETTO DI SOCIETÀ DI CAPITALI


Appunti di Economia aziendale

 

Nelle società di capitali la responsabilità dei soci trova il proprio limite nelle quote di capitale sottoscritte, cioè c’è soltanto un a responsabilità in proprio della società. Le società di capitali sono dotate di personalità giuridica e godono di un’autonomia patrimoniale perfetta. Ciò significa che esse sono soggetti di diritto capaci di agire in proprio nei confronti di terzi e che per le obbligazioni assunte rispondono esclusivamente le società stesse con il loro patrimonio. L’unico elemento di carattere personale che dai terzi può essere preso in considerazione è rappresentato dalle persone degli amministratori, dei quali viene considerata la capacità imprenditoriale non quella patrimoniale, che costituisce la garanzia nei riguardi dell’efficienza della gestione.

 

Le azioni

 

Le azioni sono titoli nominativi che attribuiscono al titolare una quota di comproprietà del patrimonio sociale.

 

L’ammontare del capitale sociale è dato dal valore nominale complessiva delle azioni ordinarie, privilegiate, di risparmio e di lavoro.

 

La costituzione

 

La società per azioni può costituirsi secondo due diverse modalità:

1.   Costituzione simultanea.

      Si ha quando più persone, che sottoscrivono il capitale sociale, stipulano fra loro l’atto costitutivo davanti a un notaio, procedendo alla nomina degli amministratori e dei sindaci. L’atto costitutivo, che altro non è che il contratto di società, contiene la dichiarazione da parte dei fondatori di costituire la società, l’obbligo di eseguire i conferimenti, la nomina degli amministratori e dei sindaci e il rinvio alle norme dello statuto per quanto concerne gli altri aspetti. Lo statuto contiene invece il complesso delle regole concernenti l’organizzazione, il funzionamento e lo scioglimento della società: esso viene allegato all’atto costitutivo, del quale si considera parte integrante.

2.   Costituzione successiva o per pubblica sottoscrizione.

      Si ha quando la società viene costituita attraverso una pubblica sottoscrizione, su iniziative dei promotori, i quali formulano un programma della costituenda società indicandone oggetto e capitale, l’atto costitutivo e l’eventuale partecipazione agli utili. Il programma viene depositato presso un notaio e reso pubblico con mezzi idonei al fine di raccogliere le adesioni: questo devono risultare da atto pubblico o da scrittura privata autenticata. Una volta che sia  stato costituito il capitale previsto, i promotori assegnano ai sottoscrittori un termine non superiore a un mese per il versamento dei decimi di legge. Il codice civile stabilisce che per procedere alla costituzione occorre:

   che sia stato sottoscritto l’intero capitale sociale;

   che siano stati depositati presso un istituto di credito, su un conto corrente vincolato i 3/10 dei conferimenti in denaro;

   che siano state ottenute le prescritte scritture governative.

La sottoscrizione del capitale sociale si rileverà con l’articolo:

 

 

 

 

DARE

AVERE

data

cod.

azionisti c/sottoscrizione (vfp)

1.500.000.000

 

 

 

 

 

     capitale sociale (vep)

 

1.500.000.000

 

 

        

 

Il conto azionisti c/sottoscrizione è un credito della società verso i soci.

Il versamento dei 3/10 del capitale sottoscritto in denaro deve essere effettuato su un c/c vincolato presso un istituto di credito e origina una diminuzione del credito verso i soci e il sorgere di un credito verso la banca:

 

 

 

 

DARE

AVERE

data

cod.

banca x c/c vincolato

450.000.000

 

 

 

 

     azionisti c/sottoscrizione

 

450.000.000

 

 

Entro 30 giorni dalla stipulazione deve essere depositato presso la Cancelleria del Tribunale nella cui circoscrizione si trova la sede sociale, a cura del notaio che ha stilato l’atto.

Con l’iscrizione nel registro, la società acquista personalità giuridica ed è questo il momento in cui essa comincia giuridicamente ad esistere: in altre parole, l’iscrizione è una condizione di esistenza delle società, avendo essa un’efficacia costitutiva.

Avvenuta l’iscrizione gli amministratori o il notaio, se autorizzato, presentano la relativa documentazione possono ottenere lo svincolo dei decimi di legge e l’accreditamento degli stessi e dei relativi interessi su un c/c liberamente disponibile. La rilevazione sarà:

 

 

 

 

DARE

AVERE

data

cod.

banca x c/c

452.240.000

 

 

 

 

erario c/imposte alla fonte

960.000

 

 

 

 

     banca x c/c vincolato

 

450.000.000

 

 

 

     interessi attivi v/banche

 

3.200.000

 

 

Quando vengono richiamati i decimi ancora da versare le scritture saranno:

al momento del richiamo totale o parziale:

 

 

 

 

DARE

AVERE

data

cod.

azionisti c/decimi richiamati

300.000.000

 

 

 

 

     azionisti c/sottoscrizioni

 

300.000.000

 

 

Al momento del versamento:

 

 

 

 

DARE

AVERE

data

cod.

banca x c/c

300.000.000

 

 

 

     azionisti c/decimi richiamati

 

300.000.000

 

L’UTILE D’ESERCIZIO

 

Nelle società per azioni la determinazione dell’utile comporta una rilevazione in sede in chiusura dei conti, mentre la decisione sulla destinazione dell’utile è presa dall’assemblea ordinaria convocata entro 4 mesi dalla chiusura dell’esercizio per l’approvazione del bilancio. La scrittura relativa alla rilevazione dell’utile sarà:

 

 

 

 

DARE

AVERE

data

cod.

conto economico generale

184.000.000

 

 

 

 

     utile d’esercizio

 

184.000.000

 

 

Il codice civile stabilisce che dagli utili netti annuali deve essere dedotta una somma corrispondente almeno al 5% di essi per la costituzione di una riserva, sino a che questa non abbia raggiunto il 20% del capitale sociale (riserva legale). Possono esistere anche altri tipi di riserve: Riserva statutaria se stabilito dallo statuto, riserva straordinaria.

Scritture relative:

 

 

 

 

DARE

AVERE

data

cod.

utile d’esercizio

67.700.000

 

 

 

 

utili portati a nuovo

632.000

 

 

 

 

     riserva legale

 

3.385.000

 

 

 

     riserva statutaria

 

2.031.000

 

 

 

     amministratori c/utili

 

4.982.720

 

 

 

     azionisti c/dividendi

 

49.500.000

 

 

 

     erario c/ritenute

 

5.500.000

 

 

 

     utili portati a nuovo

 

2.933.280

 

 

Seguirà poi il pagamento dei compensi agli amministratori ed agli azionisti e il versamento della ritenuta d’acconto:

 

 

 

 

DARE

AVERE

Data

cod.

amministratori c/utili

4.982.720

 

 

 

 

     banca x c/c

 

4.036.000

 

 

 

     erario c/ritenute

 

946.720

 

 

 

erario c/ritenute

946.720

 

 

 

 

arrotondamenti passivi

280

 

 

 

 

     banca x c/c

 

947.000

 

della classe 4c 2005  Sezione serale
Istituto di Istruzione Superiore
“L. Scarambone”  Lecce