Il doppio in letteratura

Il doppio, problematica che ora affronterò a proposito della letteratura, consiste nel rapporto molto particolare che vige tra il protagonista del romanzo e, appunto, un doppio che può essere un altro personaggio (come ne Il compagno segreto di Conrad), un’ombra, una voce, un oggetto (come ne ‘Il ritratto di Dorian Gray). Relazione particolare in che senso? In genere è come se il protagonista e il suo doppio facessero parte di un tutt’uno che è stato diviso, e per questo entrassero in una sorta di conflitto, interiore o meno, che deve essere in qualche modo risolto. In alcuni casi (non solo letterari)  si può osservare di come il doppio sia uno dei tanti mezzi usati dall’essere umano per abbattere i limiti dell’uomo (ad esempio, nel romanzo di O. Wilde, lo scorrere del tempo, l’invecchiamento, la morte). Il personaggio del doppio (parlando più specificatamente della letteratura contemporanea, dal 700 in poi) è spesso mosso da due spinte: una lo porta a cercare di vivere la vita vera, a fare tutte quelle cose ‘normali che si fanno nel vivere (amare, conoscere, sperimentare, crescere); l’altra invece gli impedisce tutte o alcune di queste cose. Dunque, nascendo come un qualcosa che scioglie i limiti, in realtà  crea quello più grande: impedisce, in un certo senso, la vita.

Il finale di un ‘romanzo del doppio dipende dalla conclusione del conflitto di cui ho prima parlato. Ci sono due tipi possibili di conclusione: una, la tragedia, il protagonista e il suo doppio muoiono senza essersi ricomposti, senza aver risolto il conflitto (è questo il caso de ‘Lo strano caso del dottor Jekyll e il signor Hyde); la seconda è la riconciliazione delle due parti che può avvenire in vari modi (per esempio ne ‘Il compagno segreto di Conrad il doppio semplicemente evapora, svanisce liberando dunque il protagonista da quel limite che il doppio impone).

  1.  “Il compagno segreto” di Joseph Conrad di Alice

  2. “Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde di Alice

  3. Lo strano caso del Dottor Jekill e del Signor Hide” di R. L. Stevenson di Alice

  4. “Il visconte dimezzato” di Italo Calvino di Alice

di Alice