Israele e la scuola italiana

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Un appello al Ministro

 di  A. Lalomia

Gli episodi di intolleranza e di vera e propria violenza squadristica che si sono verificati e che continuano a verificarsi nel nostro Paese contro la comunità ebraica  -episodi che prendono a pretesto la decisione di Israele di entrare nella striscia di Gaza e di provvedere in modo adeguato alla sua sicurezza-  potrebbero essere affrontati in modo incisivo, a livello scolastico, con una vasta campagna di informazione finalizzata a far conoscere agli studenti italiani quali sono le coordinate autentiche del problema, per ‘vaccinarli contro la propaganda antisemita che diventa sempre più minacciosa e che è supportata, più o meno direttamente, da parecchi dei nostri media  (notoriamente filopalestinesi e in generale filoarabi, con alcuni lodevoli ripensamenti e sostanziali eccezioni)  e da non pochi dei nostri politici 1 .

Per fronteggiare lemergenza, il Ministero dellIstruzione potrebbe prendere accordi con le organizzazioni ebraiche italiane -e/o con le rappresentanze diplomatiche di Israele in Italia-, con lo scopo di organizzare, quantomeno nelle scuole superiori  (quelle più a rischio di condizionamento ideologico da parte di chi inneggia alla distruzione dello stato ebraico), conferenze, seminari, dibattiti, tenuti da esperti.

Durante queste riunioni, tra l’altro, dovrebbero essere presentate quelle immagini particolarmente eloquenti circa le distruzioni provocate in Israele da missili e razzi lanciati dalla striscia di Gaza  (ma anche da altre zone controllate da organizzazioni terroristiche che non riconoscono il diritto di Israele ad esistere)  e sul modo dei soldati israeliani di condurre le operazioni belliche, un modo che cerca sempre di evitare al massimo le vittime civili. 

Se queste vittime purtroppo esistono, è perché lavversario, al contrario delle IDF, pratica metodicamente la guerra asimmetrica, quel tipo di confronto militare cioè che prevede l’utilizzo di scudi umani  (che in questo caso sono rappresentati dagli stessi palestinesi, ostaggi di quei ‘leader che hanno incautamente votato), o che obbliga a scagliare pietre e bottiglie molotov, contro i poliziotti israeliani disarmati, bambini di otto-nove anni, costringendoli talvolta a sacrificare la loro giovane esistenza lanciandosi contro i mezzi di polizia israeliani con il preciso scopo di farsi travolgere  2 .

Sono certo che liniziativa non costerebbe nulla né allAmministrazione né alle singole scuole e offrirebbe alla comunità ebraica italiana e alla diplomazia israeliana unottima opportunità per far conoscere le ragioni di Israele e le profonde differenze che esistono tra questo stato  -da una parte- e il mondo arabo e i paesi oppressi dal fondamentalismo isl’amico, dall’altra.

Uno stato, non dimentichiamolo mai, che è nato dalle ceneri del più spaventoso e sistematico genocidio della storia, che è stato costretto sin dalla sua nascita a lottare strenuamente per la sopravvivenza e che costituisce l’unico esempio di democrazia reale in un mondo, quello arabo e quello dominato da integralisti musulmani, caratterizzato da dittature corrotte e sanguinarie, regimi spietati, governi dispotici o, nel migliore dei casi, autoritari e comunque illiberali.

Difendere il diritto di Israele ad esistere significa anche sostenere le ragioni che fanno, delle democrazie europee  (e soprattutto di alcune), nonché di quella americana, dei modelli a cui guardano con ammirazione e speranza quanti si trovano sotto il giogo della tirannia, della sistematica violazione dei diritti umani e civili più elementari, delloscurantismo.

Israele sta combattendo da decenni anche per difendere la nostra sicurezza, la nostra libertà, i nostri valori, i nostri diritti, la nostra civiltà, il nostro futuro.

Sono tutti aspetti che bisogna ricordare, quando si vede il modo in cui in Italia troppi media  -ed anche certi  ‘specialisti-  affrontano  la questione mediorientale e soprattutto i rapporti tra Israele e i suoi vicini.

Ed è appunto per evitare che questo modo  ‘contagi  i nostri studenti che ritengo efficace liniziativa che ho esposto sopra.

           ————————————–

Approfondimenti

Fornisco di seguito alcune brevi indicazioni che possono rivelarsi utili per un primo approccio al tema, riservandomi di tornare sull’argomento con un lavoro più ampio.

1.  www.Israele.net 

     Il portale di Israele in lingua italiana.  Una miniera di dati, notizie, riflessioni di altissimo livello.

 2.  http://roma.mfa.gov.il 

 Sito dellAmbasciata di Israele a Roma. 

 Informazioni e immagini di eccezionale valore su Israele, sui suoi nemici e sui rapporti tra lo Stato ebraico e l’Italia.

 Contiene il link a un drammatico filmato, Quindici secondi”, che si riferisce      al tempo che hanno a disposizione gli abitanti di Sderot  -con particolare riguardo ai bambini-, per mettersi in salvo dai missili e dai razzi dei terroristi (V. oltre).

 Di estremo interesse le FAQ relative all’operazione militare a Gaza.

3.  www.mfa.gov.il

     Il portale del Ministero degli Esteri Israeliano, con una ricca documentazione su tutti i governi a partire dalla nascita del paese.

4.  www.terrorism-info.org.il

     Il portale dell Intelligence & Terrorism Information Center”.  Una vasta e aggiornata documentazione su tutti i nemici di Israele e sui loro metodi -tra cui quello degli scudi umani-  per distruggere lo stato ebraico.

5.  www.sderotmedia.com

     Riguarda la cittadina israeliana di Sderot e il Negev occidentale, dove dal 2001 sono piovuti più di 10.000 tra missili e razzi lanciati da terroristi.

     Nella Home page, in alto a destra, si trova addirittura un Kassam counter”, aggiornato in continuazione.

     Da consigliare caldamente a chi continua a dichiarare che le reazioni di Israele agli attacchi proditori dei terroristi  (Hamas, Hezbollah e altri sostenitori della jihad islamica), che da anni colpiscono indiscriminata- mente la popolazione ebraica e che mietono vittime in continuazione, siano eccessive”e sproporzionate”.

6.  http://dover.idf.il 

     Il portale delle Forze Armate Israeliane, IDF -Israel Defense Forces-.

  7.  www.jpost.com 

       Il portale del prestigioso Jerusalem Post”.

  8.  www.haaretz.com

       Il portale dell’autorevole Haaretz”.

  9.  www.ynetnews.com 

       Il portale di Israel News”.

   10.  www.olokaustos.org

          Il più autorevole portale in lingua italiana sulla Shoah. Da consigliare vivamente ai negazionisti, ai revisionisti storici e in generale a tutti i nemici di Israele.

    11.  www.osservatorioantisemitismo.it 

          Il portale dell Osservatorio sul Pregiudizio Antiebraico Contemporaneo”. Per capire quanto sia diffuso lantisemitismo in Italia e in altri paesi.

    12.  www.ucei.it 

          Il portale dell Unione delle Comunità ebraiche Italiane.

    13.  www.moked.it  

          Il portale dellebraismo italiano.

          E il rammarico di non avere il tempo per poter leggere la montagna  di materiale che mette a disposizione.

    14.  www.fiammanirenstein.com  

          Blog della più brillante e coraggiosa giornalista italiana, profonda conoscitrice dei problemi del Medio Oriente e soprattutto della realtà israeliana.  La voce più autorevole per capire che cosa sta accadendo in quellarea del pianeta. 

          Fiamma Nirenstein rappresenta unautentica perla del giornalismo italiano.

    15.  www.ilsussidiario.net  

          Prestigioso organo dinformazione e di riflessione anche su tematiche come quelle affrontate in questo testo, con firme che costituiscono il vanto della cultura e della politica italiane.

             ————————————–

   Note

 1 Si pensi soltanto  alle recenti, clamorose rivelazioni di un ex Presidente della Repubblica circa la sostanziale  ‘vendita  degli ebrei italiani ai loro nemici storici, in cambio dellincolumità del resto della popolazione nazionale.

Non mi sembra peraltro che tali rivelazioni abbiano trovato, in gran parte del nostro mondo politico, quell’attenzione che meritavano, quasi si trattasse di un  ‘accordo  del tutto scontato e comunque in linea con una certa politica filoaraba, che in Italia ha tradizioni ben radicate.

 2  È quanto accaduto soprattutto durante lIntifada, quando questi casi venivano ‘sbattuti  in prima pagina dalla stampa nazionale e internazionale per testimoniare ‘la ferocia israeliana.

Per avere unidea di come molti media italiani presentano ancora oggi Israele e la questione mediorientale, basterà andare su www.informazionecorretta.it

          ————————————–

      Per non dimenticare

     N. 1

         

Germania 1933: boicottaggio delle merci vendute dai negozianti di religione ebraica.  (Da:  www.moked.it .)

            ————————————–

                                        

  N. 2

 

 

Hitler a colloquio con il Gran Muftì di Gerusalemme. (Da:  www.amicidisraele.org)

          ————————————–

 

  N. 3

 

 Veduta interna del campo di sterminio di Treblinka.  (Da:  www.olokaustos.org .)

    ————————————–

           N. 4

 

      (Da: http://roma.mfa.gov.il .)

       Il manifesto che avremmo voluto vedere  nelle nostre città

 

       (Da: http://dover.idf.il .)

      Le piazze che più amiamo

 Roma, 14-01-09, Piazza Montecitorio.  

 (Da: www.fiammanirenstein.com)

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: