La bambinaia francese


Bianca Pitzorno

Scheda di lettura di Melissa Galloni

La bambinaia francese

Titolo

1.     Il titolo del libro di cui ho deciso di fare la relazione è La bambinaia francese”.

Autrice

2.    L’autrice è Bianca Pitzorno, laureata in Lettere Classiche, curatrice di fortunati programmi televisivi culturali e per ragazzi. Dalla fine degli anni Settanta si è dedicata a pieno tempo alla scrittura, diventando presto l’autrice più amata dai giovani lettori italiani. Ha pubblicato circa 30 romanzi dall’intreccio avvincente, e con questo romanzo ha voluto rendere omaggio ai grandi scrittori romantici dell’Ottocento, in particolare a Charlotte Bronte e a Victor Hugo.

Riassunto

3.    Riassunto: In una sera d’inverno del 1932 a Parigi, Sophie bussa alla porta della etoile” dellOpèra di Celine Varens per consegnarle alcune camicie confezionate dalla madre. Inizia cos’ l’amicizia tra le due ragazze e Sophie, con il passare del tempo diventa la prediletta di un vecchio aristocratico. Nella nuova scuola, incontra Toussaint, con cui affronterà tante avventure, in Francia e in Inghilterra, per salvare Celine e Adele dai misteri di una dimora inglese chiamata Thornfield Hall.

Personaggi

4.    La protagonista è una giovane fanciulla di 9 anni, chiamata Sophie, figlia di una povera donna che cuce camicie. Vi è inoltre Celine Varens, ballerina molto ricca, che accoglierà Sophie nella sua casa; Cittadino Marchese, proprietario della scuola che frequenterà la ragazza; Toussaint, piccolo schiavo nero regalato a Celine dal suo innamorato inglese; Adele, figlia di Celine.

Spazio

5.    La vicenda si svolge in Francia e in Inghilterra, in luoghi principalmente chiusi. Le caratteristiche psicologiche dei personaggi non sono amplificate o proiettate nei luoghi descritti.

Tempo

6.    I fatti sono narrati in un arco di tempo che va dal 1832 al 1840. Prevalgono le riflessioni ma ci sono diverse anticipazioni.

Stile

7.    Il linguaggio è abbastanza semplice; tuttavia, soprattutto nelle lettere, si alterna il registro formale ed informale. Nel libro vengono riportate diverse lettere indirizzate a Celine, scritte da Sophie ed Adele (in quelle scritte dalla bambina ci sono anche errori di ortografia).

Tecniche narrative

8.    Prevale il discorso indiretto e ci sono molti monologhi e flussi di coscienza.

Narratore

9.    La narratrice è Sophie, ma alcuni parte sono narrate dalle stessa scrittrice.

Melissa Galloni