La costruzione nel mondo antico

La costruzione nel mondo antico di Irma Lanucara

sintesi di Progettazione e costruzioni per programmazione semplificata

Ci sono tre antiche civiltà  che sono molto importanti da ricordare sia dal punto di vista architettonico che da quello sociale, perché hanno influenzato le popolazioni europee:

–          La civiltà  egizia;

–          La civiltà  mesopotamica;

–          La civiltà  greca.

La civiltà  egizia e quella mesopotamica sono caratterizzate dalla presenza di grandi fiumi, che rendevano il terreno molto fertile. Questo fatto ha permesso che queste civiltà  fossero molto sviluppate dal punto di vista agricolo e ha permesso di costruire grandi città , ricche di palazzi e di templi.

Tra queste grandi opere architettoniche ricordiamo:

–          La famosa ziqqurat di Ur in Mesopotamia, costruita prevalentemente con terra e bitume;

–          Le piramidi egizie, che erano tombe di enormi dimensioni fatte di pietra, costruite per i sovrani (faraoni). Tra le piramidi egizie ricordiamo la piramide di Cheope, che risale al 2600 a.C.. Delle abitazioni, invece, non è rimasto nulla perché erano fatte di materiale deperibile (che si distrugge nel tempo).

Per quanto riguarda la civiltà  greca, è importante sottolineare che essa ha influenzato il modo di vivere e di pensare dell’Europa moderna. Questa civiltà  era organizzata in piccole città -stato, grazie alle quali è nata l’idea di democrazia. Una delle più importanti città  stato fu certamente quella di Atene, nella quale si trovava la cosiddetta agorà , cioè un grande spazio, simile a una piazza, dedicato al commercio.

Nella costruzione dei templi, i Greci diedero vita ai cosiddetti ordini architettonici: dorico, ionico e corinzio

 

L’ordine dorico (il primo da sinistra) è il più solido ed è generalmente privo di decorazioni; l’ordine ionico (quello centrale) è più snello e sono presenti delle decorazioni; l’ordine corinzio (l’ultimo a destra), invece, si distingue per la particolare ricchezza di decorazioni.