La definizione di competenza

“Competenza” è un termine che suscita più domande e questioni aperte, che non risposte, o idee chiare.

Certo c’è la definizione della Raccomandazione del Parlamento europeo, ma questo non esaurisce il dibattito sulla definizione di competenza, che continua ad essere variegato, nei vari paesi europei.

Tuttavia, ci può essere utile una riflessione sulla radice etimologica del termine.

Competenza deriva dal latino cum + petere, insomma  è un termine che ha etimologicamente dentro di sé l’idea di un direzione comune, di una strada.

Questo termine sottintende che lo studente sia capace di desiderare, di attendere qualcosa, di essere pronto a cogliere le ragioni.

Eppure, per capir bene cosa significa competenza, occorre paradossalmente comprendere cosa vuol dire “conoscenza”, termine che pure viene spesso contrapposto a competenza.

Il problema è che la conoscenza non è la semplice accumulazione di informazioni, che, del resto, oggi si possono acquisire da internet senza bisogno della mediazione dell’insegnante.

La conoscenza, invece, è il fenomeno attraverso cui la persona scopre la ragione, la propria affezione e libertà.

La conoscenza è un apprendere dalla realtà delle cose.

In questo, quindi, le competenze sono strettamente legate alla realtà. occorre che l’oggetto della conoscenza non sia la disciplina, ma la realtà.

In un serio percorso conoscitivo è la realtà che suggerisce il desiderio di conoscere.