LA DISMISSIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI TECNICHE

Sharing is caring!


Appunti di Economia aziendale

Per dismissione o eliminazione delle immobilizzazioni tecniche si intende la loro estromissione dal processo produttivo.

L’eliminazione del bene può attuarsi:

– senza cessione a titolo oneroso;

– con cessione a titolo oneroso.

Nell’esercizio in cui avverrà la demolizione fisica si stornerà il fondo ammortamento al corrispondente conto delle immobilizzazioni tecniche. Se invece nello stesso esercizio si hanno la radiazione (estromissione dal processo produttivo) e la demolizione, contabilmente si registra lo storno del fondo ammortamento al corrispondente conto acceso al costo storico originario e, qualora il costo non fosse interamente ammortizzato, il valore residuo costituisce un componente negativo dell’esercizio nel quale avviene la radiazione (sopravvenienza passiva). Tale sopravvenienza è da includersi tra gli oneri diversi ordinari, se deriva dalla eliminazione di immobilizzi impiegati nella normale attività e se la radiazione costituisce la normale conclusione della loro vita utile. Viceversa  è da includersi tra gli oneri straordinari se scaturisce da operazioni della gestione straordinaria, imprevedibili e aventi un effetto rilevante sulla struttura dell’azienda, come la radiazione di un intero complesso produttivo.

Se il bene dismesso viene ceduto a terzi, il valore di realizzo può essere minore o maggiore del valore contabile netto. Perciò:

a.       se il ricavo è minore del valore contabile netto (= differenza fra costo storico e fondo ammortamento) si deve rilevare una minusvalenza;

b.       se il ricavo è superiore al valore contabile netto si deve rilevare una plusvalenza.

Talvolta il bene ceduto viene sostituito con uno nuovo, si ha cioè un’operazione di permuta, accompagnata dal pagamento della differenza tra i due prezzi. È opportuno osservare che fiscalmente la permuta comporta il calcolo dell’ IVA sia sull’importo del bene acquistato sia sull’importo del bene ceduto, con l’emissione di distinte fatture.

Esempio 1:

– costo storico macchinario £ 19.000.000

– ammortizzato per £ 15.600.000

– ceduto per £ 3.000.000 + IVA in contanti

 

 

 

 

DARE

AVERE

Data

cod.

fondo amm. impianti

15.600.000

 

 

 

 

impianti e macchinari

 

15.600.000

 

 

 

crediti v/clienti

3.570.000

 

 

Data

cod.

IVA ns. debito

 

570.000

 

 

 

impianti e macchinari

 

3.000.000

 

 

 

minusvalenze

400.000

 

 

 

 

impianti e macchinario

 

400.00

 

 
Esempio 2:

– costo storico automezzo £ 40.000.000

– ammortizzato per £ 30.000.000

– permutato con un nuovo autocarro di £ 65.000.000 + IVA

– vecchio autocarro valutato £ 17.000.000 + IVA

 

 

 

DARE

AVERE

Data

cod.

fondo amm. Automezzi

30.000.000

 

 

 

 

Automezzi

 

30.000.000

 

 

 

crediti v/clienti

20.320.000

 

 

Data

cod.

IVA ns. debito

 

17.000.000

 

 

 

Automezzi

 

3.230.000

 

 

 

automezzi

7.000.000

 

 

 

 

Plusvalenza

 

7.000.000

 

 

 

Automezzi

65.000.000

 

 

 

 

IVA ns. credito

12.350.000

 

 

 

 

debiti v/fornitori

 

77.350.000

 

della classe 4c 2005  Sezione serale
Istituto di Istruzione Superiore
“L. Scarambone”  Lecce

shares