Le nostre serate

Scritta con Simonetta, nel 1963, già  rivela una insoddisfazione, una ricerca di un senso, all’interno di una vita che potrebbe essere quella di un uomo di successo, di uno di una famiglia della borghesia milanese, negli anni del boom economico.

Le nostre serate

Molti mi dicono: “Sei fortunato
tu che hai trovato un lavoro sicuro,
bello, tranquillo, interessante
e che ti rende decentemente”.

Io penso alle nostre serate,
stupide e vuote

“Ti passo a prendere.”. “Cosa facciamo?”
“Che film vediamo?”. “No, lho già  visto”.
Tutto previsto.

Molti mi dicono: “Non hai diritto
di lamentarti, ti puoi permettere
qualche parentesi, qualche evasione
tu che hai un lavoro di soddisfazione”.

Io penso alle nostre serate,
stupide e vuote

“Vuoi bere qualcosa?”. “Grazie, lho già  preso
il caffè su in casa”. “Che cosa vuoi?”
“Niente.”. Ti annoi.

Molti mi dicono: “Ma cosa cerchi?
Cosa pretendi? Non fare il nevrotico,
hai una ragazza che ti vuol bene,
ti lascia libero, non ti fa scene”.

Io penso alle nostre serate,
stupide e vuote

Le 9 e un quarto, due passi al centro
destinazione al solito bar,
televisione.

Io penso alle nostre serate,
stupide e vuote

Io penso alle nostre serate,
stupide e vuote

  • Ritorna all’indice della Lezione-spettacolo Giorgio Gaber: un uomo recital didattico del prof. Gaudio, webmaster di atuttascuola, comprendente video, testi, accordi, ecc…

  • Il teatro canzone di Gaber di atuttascuola

  • Gaber, sempre più Gaber a scuola di atuttascuola

  • Giorgio Gaber (1939-2003) di atuttascuola

  • Gaber & Gaudio video su youtube

vari

  • A scuola si insegnerà  Giorgio Gaber articolo di giornale