LO SCONTO DI EFFETTI COMMERCIALI


Appunti di Economia aziendale

 

Con l’operazione di sconto l’azienda cede alla banca, alla condizione “salvo buon fine”, uno o più crediti ricevendone un netto ricavo, rappresentato dal valore nominale dei crediti diminuito dello sconto commerciale e delle commissioni, spese ed altri diritti.

 

All’atto di presentazione allo sconto di effetti avviene mediante la compilazione di una apposita distinta di presentazione, si stornano le cambiali attive al conto effetti allo sconto in questo modo:

 

 

 

 

DARE

AVERE

Data

cod.

effetti allo sconto

6.300.000

 

 

 

 

     cambiali attive

 

6.300.000

 

 

Successivamente la banca invierà una contabile di accreditamento del netto ricavo e restituisce le cambiali attive eventualmente “non ammesse”. Supponendo che non tutti gli effetti presentati siano stati ammessi, le registrazioni in P.D. saranno le seguenti:

 

 

 

 

DARE

AVERE

Data

cod.

banca x c/c

5.637.200

 

 

 

 

sconti passivi su effetti

355.300

 

 

 

 

commissioni d’incasso

7.500

 

 

 

 

     effetti allo sconto

 

6.000.000

 

Data

cod.

cambiali attive

300.000

 

 

 

 

     effetti allo sconto

 

300.000

 

 

Poiché la cessione del credito alla banca è alla condizione “salvo buon fine”, è opportuno evidenziare con una scrittura d’ordine il rischio di insolvenza che permane in capo al cliente scontista in virtù della girata degli effetti alla banca.

La scrittura nel sistema dei rischi è la seguente:

 

 

 

 

DARE

AVERE

Data

cod.

effetti scontati

5.700.000

 

 

 

 

     cessionario effetti attivi

 

5.700.000

 

Tale registrazione verrà stornata alla scadenza degli effetti.

della classe 4c 2005  Sezione serale
Istituto di Istruzione Superiore
“L. Scarambone”  Lecce