Luci ed ombre dell’età giolittiana


di Stella

Nell’ambito politico italiano emerse la figura di Giolitti, egli intendeva rafforzare il governo e assicurare stabilità al paese, inoltre mirò a unire sviluppo economico e libertà politica.

Con l’affermarsi del movimento socialista, Giolitti volle integrare la classe operaia nelle istituzioni dello stato liberale.

Egli mantenne il governo in una posizione di neutralità di fronte ai conflitti sindacali.

Questo nuovo atteggiamento ebbe l’effetto immediato di rafforzare il movimento sindacale: gli scioperi crebbero di gran numero, ottenendo nella maggioranza dei casi risultati favorevoli per i lavoratori.

Altro obbiettivo della strategia giolittiana era rappresentato dalla nascita delle riforme, la principale delle quali fu il suffragio universale maschile adottata nel 1913.

Giolitti capì che per rafforzare il governo aveva bisogno dell’appoggio dei cattolici, stipulò, infatti, un accordo chiamato patto Gentiloni” nel quale la Chiesa s’impegnava ad appoggiare i liberali contro i socialisti, a patto che nel programma dei liberali non vi fossero iniziative sgradite alla Chiesa.

Il patto Gentiloni può essere considerato un superamento del no expedit del pontefice Pio IX e lo strumento che permise inoltre ai liberali di vincere le elezioni.

In questo periodo si diffuse il nazionalismo le cui necessità erano rappresentate dalla richiesta di uno stato forte e dall’espansione coloniale in Libia.

Le motivazioni che spinsero l’Italia a conquistare la Libia non furono motivazioni economiche, anche perché la Libia non era sfruttabile dal punto di vista economico ma furono motivazioni politiche come ad es scaricare le tensioni sociali e espandersi a livello territoriale.

Dal punto di vista economico ne trassero molti vantaggi le banche, armatori e l’industria pesante.

Giolitti decise di assecondare i nazionalisti nell’espansione coloniale in Libia nel tentativo di guadagnare più consensi per la propria politica.

G. Pascoli fu un sostenitore dell’espansione coloniale. Scrisse La grande proletaria si è mossa” in onore delle persone morte nella guerra di Libia.

 

VERSO LA GRANDE GUERRA

All’inizio del 900, l’Europa era nel pieno della bella epoque, in questo periodo tutti i problemi sembravano essere risolti, si ha tanta fiducia nella scienza e nel progresso.

Capitale di questa Europa in piena espansione era Parigi.

In questo periodo caratterizzato essenzialmente dal benessere vi erano però molte problematiche: l’Europa era ricca, ma caratterizzata da forti disuguaglianze economiche e sociali, inoltre si andarono a creare movimenti ispirati al razzismo e al nazionalismo.

Questo problematiche costituirono una delle motivazioni che scaturirono la I Guerra Mondiale. 

In seguito si scatenò la corsa agli armamenti. Le cause della prima guerra mondiale stanno nelle tensioni fra le grandi potenze che ruppero l’equilibrio nazionale.

Cresceva la conflittualità fra le grandi potenze. L’Inghilterra e la Francia disponevano di imperi coloniali più vasti di quello della Germania, ciò indusse l’imperatore Guglielmo II ad applicare una politica espansionistica in Africa.

Questo però andava a toccare gli interessi dell’Inghilterra e della Francia, che non si era mai rassegnata alla perdita dell’Alsazia e della Lorena in quanto erano paesi molto ricchi di materie prime.

Vi fu anche il contrasto tra l’Austria e la Russia entrambe interessate all’area balcanica. Si formarono quindi due schieramenti la Triplice alleanza (Austria, Germania e Italia) e la Triplice intesa (Francia, Russia e Inghilterra).

Man mano che l’impero Ottomano (turco) si indeboliva e perdeva la sua autorità si fecero avanti l’Austria e la Serbia.

L’Austria si un’ alla Bosnia Erzegovina a cui mirava la Serbia, di conseguenza si accese una fase di conflitti le cosiddette guerre balcaniche, i cui risultati furono i seguenti: l’impero Ottomano perse quasi tutti i possedimenti nei balcani; la Serbia usc’ vittoriosa da entrambe le guerre, ma nonostante ciò rimase insoddisfatta per la presenza austriaca nella Bosnia Erzegovina. Il conflitto tra Austria e Serbia divenne cos’ decisivo per il controllo dei Balcani: quando esplose trascinò in guerra l’intera Europa.

di Stella