LUCREZIO – DE RERUM NATURA – libro V – versi 826-877: traduzione, analisi, commento