Motivi ispiratori dell’Evoluzionismo

Si può dire che tre siano stati i motivi principali che hanno spinto Darwin alle sue formulazioni:

1 – Innanzitutto la lettura delle teorie economiche di Malthus che aveva constatato che la crescita delle popolazioni avviene con ritmo esponenziale e, poiché invece le risorse sono limitate, l’aumento della popolazione porta irrimediabilmente alle crisi.  Da qui la necessità di porre un freno alla crescita della popolazione attraverso la morale, la religione e la repressione.

Queste analisi economiche furono inserite da Darwin in ambito biologico: se le risorse sono limitate rispetto al numero degli individui ne nasce une lotta per la vita e una competizione che si conclude con la sopravvivenza dei più adatti a vivere in un certo ambiente.

Thomas Robert Malthus (1766-1834), nato da famiglia di ceto medio-superiore che vantava origini aristocratiche, entra a 18 anni nel Jesus College di Cambridge, dove si laureò nel 1788 e successivamente prese gli ordini sacri nella Established Church (chiesa uniformata) ed assunse il vicariato di una piccola parrocchia di Albury.  Nel 1804 insegna storia moderna ed economia politica al collegio di Halebury, dove si preparavano i funzionari della East India Company.  La notorietà arriva coi saggio sul principio di popolazione.  Aveva cominciato a redigerlo quando nel 1801 un censimento dimostrava che la popolazione stava aumentando: Malthus ipotizzò dunque che, partendo da alcuni postulati, la popolazione non arrestata da niente cresce in progressione geometrica(2,4,8,16, … ) mentre le sussistenze crescono in progressione aritmetica(2,4,6,8, … ).Si verrà quindi a creare un divario tra queste due cose che la natura colmerà con due metodi: repressivi (carestie, epidemie, malattie) o preventivi (limitazione delle nascite).

 

2-      In secondo luogo Darwin rimase colpito dai risultati della selezione artificiale utilizzato dagli allevatori per ottenere razze di animali con caratteristiche particolari.  In natura non può avvenire in modo più lento, ma del tutto naturale, quello che gli allevatori fanno artificialmente?

Si può pensare quindi che se in una comunità una piccola parte di questa presenta delle caratteristiche che li avvantaggiano rispetto agli altri, per questi sarà più facile sopravvivere e riprodursi.

 

3-      Un terzo decisivo elemento è dato dalle osservazioni fatte sulle Galapagos nella sua spedizione.  I fringuelli di quelle isole, ad esempio, presentavano delle affinità che rendevano difficile capire se fossero animali della stessa specie o soltanto appartenevano alla stessa famiglia.  Questo ha suggerito a Darwin l’idea di un’evoluzione locale a partire da un progenitore comune.

  • torma all’indice della tesina multidisciplinare Evoluzionismo e creazionismo esame di stato 2007 – liceo scientifico teconologico – di Eros Tomasoni