Pirate

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità

Celia Rees

PIRATE

Titolo, autore e genere

1/2. Il libro che ho letto s’intitola Pirate scritto da Celia Rees.

Questo è un romanzo storico, ambientato nella Londra settecentesca. 

 

Riassunto

3. Narra la storia di una ragazzina di modeste condizioni sociali ed economiche.

La madre è una casalinga e si occupa di Sharon (ovvero la protagonista) e di suo fratello Mark, mentre il padre è un commerciante.

Per il suo lavoro, il padre di Sharon e Mark, è costretto a rimanere per la maggior parte del tempo in Giamaica, dove ci sono le sue piantagioni di zucchero.

Sharon è una sedicenne promessa segretamente in matrimonio ad un marinaio, la sua vita è pacifica e serena, fino al giorno in cui suo padre muore.

Dopo i funerali del loro padre, i due fratelli Wensbur decidono di recarsi nelle piantagioni di zucchero giamaicane, una volta appartenute al padre.

Una volta arrivati viene presentato loro il collaboratore del padre, un uomo di colore di nome Justin.

Justin è un uomo molto ricco che si rivela molto interessato a Sharon, la quale però nutre profondi sospetti nei suoi confronti.

In seguito alla lunga e faticosa giornata, Sharon si reca nei suoi alloggi dove conosce le sue due governanti di colore  che sono madre e figlia: si chiamano Sarah e Coleen ; quest’ultima ha l’età di Sharon.

 Rispetto alle governanti con cui Sharon aveva a che fare in Inghilterra, Sarah e Coleen erano molto chiuse e riservate, anche se a lei sarebbe piaciuto fare la loro conoscenza.

Dopo qualche giorno di permanenza in quella che sarebbe dovuta diventare la sua nuova casa, Sharon scopre che al contrario di come pensava Sarah è molto saggia e Coleen è una buona amica con la quale stringe un forte legame d’amicizia.

Insieme trascorrono momenti felici, diventando inseparabili.

Un brutto giorno però, Sharon scopre che suo fratello ha fatto un patto con Justin, promettendola in sposa allo stesso Justin a condizione di diventare suo socio d’affari per quanto riguarda le piantagioni giamaicane.

La ragazza infatti non sa che suo padre ha fatto ereditare a lei la piantagione e non a suo fratello, il quale cerca di appropriarsene accordandosi con Justin.

Sharon non vede di buon occhio Justin, e poi non ha ancora dimenticato la promessa fatta a Peter, il marinaio.

Così, sentendosi vittima di un complotto, decide di fuggire; con lei scappano anche le due serve, ormai senza più futuro alla piantagione.

Insieme a un altro servo di fiducia, molto amico di Sarah, si rifugiano in un villaggio di indigeni da cui proviene lo stesso.

Justin lo scopre e quindi decide di seguire i quattro.

Il vecchio servo e decide di stabilirsi tra la sua gente, insieme a Sarah, la quale è troppo provata per continuare quello che sarà un lungo e faticosissimo viaggio.

Solo Coleen e Sharon proseguono nella loro avventura, imbarcandosi su un vascello di pirati dopo essersi travestite da uomini per non destare sospetti, anche se tutti i pirati sono a conoscenza della loro identità.

Coleen si adatta subito alla vita di mare e fa amicizia con tutte le persone che lavorano sulla barca, mentre Sharon non si sente del tutto integrata nel nuovo ambiente.

A volte, Sharon e Coleen riprendono in mano i loro vestiti da donne per illudere i marinai delle altre barche, che non sfiorano minimamente l’idea di trovarsi di fronte a un’imbarcazione piratesca, fino a quando non vengono attaccati.

Con questo metodo l’equipaggio riesce a mettere a segno molti colpi, fino ad accumulare il denaro necessario per sciogliersi, in modo che ogni componente dell’equipaggio possa mettersi “in proprio”.

Intanto però la voce che c’è una nave di pirati con a bordo due donne si espande a macchia d’olio, così Justin ne viene a conoscenza e seguendo questa pista cerca più volte di incastrare Coleen e Sharon.

Un giorno, mentre tutto l’equipaggio fa una siesta in un locale, arriva la marina che riesce a catturare i pirati, comprese le due ragazze.

Sharon nel frattempo scopre che il marinaio a cui si era promessa in sposa, ora fa parte dell’equipaggio della marina che li ha catturati, ma decide di tenere questo segreto per sé.

Quella stessa sera, grazie ad una soffiata, tutto l’equipaggio riesce a fuggire e mettersi in salvo.

Per il bene di tutti si decide di fare un ultimo saccheggio per raggiungere la quota di denaro necessaria per darne una parte a tutto l’equipaggio.

Durante quell’ultima rapina vengono raggiunti e catturati nuovamente dalla marina.

Questa volta Sharon decide di rivelare la sua vera identità a Peter,  che in quanto ufficiale decide, per il bene di Sharon, di salvare tutta la ciurma dei pirati.

In seguito si reca in Giamaica insieme alla stessa Sharon per replicare il suo diritto di avere la piantagione e facendo arrestare Justin e Mark.

Coleen invece si sposa con un marinaio della ciurma e insieme vanno a vivere nel paese di lui.

Prima di separarsi, Coleen e Sharon si sono fatte la promessa di non dimenticarsi mai, giurando di andarsi a trovare almeno una volta l’anno.

 

Personaggi

4. I personaggi sono:

Sharon: ragazza di buona famiglia, legata al passato e un po’ timorosa di ciò a cui sta andando incontro.

Coleen:ragazza intraprendente, determinata e molto furba.

Sarah: grazie al suo contributo e del suo amico d’infanzia, riesce a garantire la fuga alle ragazza.

Justin: uomo ricco e potente ma anche perfido e malvagio, grande viaggiatore che aspira solo alla ricchezza.

Mark: fratello di Sharon che non pensa al bene di sua sorella, ma solo ai propri interessi.

Peter: marinaio di povera famiglia che aveva giurato a Sharon amore eterno, rimanendole fedele.

 

Spazio

5. Il romanzo si svolge prevalentemente in spazi aperti ( boschi, mare), che simboleggiano libertà.

 

Tempo

6 le vicende narrate appartengono al XVIII secolo.

Non vi sono presenti molte pause o riflessioni, al massimo qualche dialogo, visto che il romanzo è abbastanza movimentato.

 

Stile

7. Il linguaggio utilizzato dalla scrittrice è semplice e scorrevole, con molti termini che hanno a che fare con la nave e i suoi componenti.

 

Tecniche narrative

8. Nel libro prevale il discorso diretto, poiché come ho detto in precedenza non ci sono molte riflessioni.

 

Narratore

9. Il narratore è Sharon, la stessa protagonista.

 

Tematiche

10. L’argomento principale è la condizione delle donne, di cui durante l’anno abbiamo trattato in un tema.

In questo caso possiamo vedere quanto fosse difficile e impensabile che due donne potessero fare un lavoro maschile, in questo caso le “pirate”; per i marinai infatti avere donne a bordo portava sfortuna.

 

Commento

11. Questo romanzo mi è piaciuto molto; sia per il tema profondo di cui parla, sia per la stessa vicenda, molto avventurosa e movimentata.

Pubblicità

Un pensiero riguardo “Pirate

I commenti sono chiusi

shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: