PLATONE – Il mito della caverna

CONCLUSIONI
          Mito della caverna
       » è il mito che riassume il pensiero platonico (metafisica, gnoseologia, dialettica, etica, mistica)
       » si immaginano degli uomini che abitino in una caverna in cui penetra la luce dall’ingresso
       » questi uomini sono legati da corde che non lo fanno muovere, per cui non possono girarsi
       » da sempre guardano solamente il fondo della caverna, su cui vengono proiettate delle ombre
       » nella caverna c’è un muro di separazione, con un fuoco che arde dalla parte opposta rispetto agli
          uomini, e che proietta de ombre di alcune statue che raffigurano tutti i gli oggetti materiali
       » queste statue vengono portate sulle spalle da degli uomini che continuano a passare avanti e in
          dietro, facendo sporgere le statue dall’altezza del muretto
       » i portatori mentre continuano a passare parlano, producendo un eco che rimbomba nella caverna
       » i prigionieri quindi credono che le ombre che vedono proiettate sulla parete della caverna e l’eco
          che sentano siano le uniche cose reali che esistano, perché non hanno mai visto altro
       » uno di questi prigionieri riesce a liberarsicon fatica dai lacci e, dopo essersi abituato lentamente
          alla nuova luce del fuoco, scoprirebbe l’esistenza delle statue, che sono più reali delle ombre
       » l’uomo allora esce dalla caverna con la fatica dei muscoli indeboliti e, per la grande luce, prima
          guarda cosa c’è per terra vedendo le cose della realtà vera prima attraverso i riflessi nell’acqua
       » una volta abituatosi alla lucesolare, alza lo sguardo quando si fa buio e contempla stelle e l’una
       » gradualmente si abitua alla luce del sole che sorge e riesce a contemplarlo con gli occhi
       » capisce che questa è la vera realtà, resa tale grazie alla luce del sole, causa di tutto
       » qui si ricorda dei suoi compagni che sono ancora incatenati e che si illudono che le ombre che
          vedono siano la vera realtà, non possono immaginare cosa ci sia fuori dalla caverna
       » a malincuore, con fatica, l’uomo ritorna nel buio della caverna e cerca di convincere di quello che
          ha visto i suoi compagni, che però non gli credono e lo deridono reputandolo inferiore a loro
       » i suoi compagni si ritengono sapienti riguardo alle ombre, lui non le riconosce più quindi per loro è
          ignorante, spregevole, perché deve riabituarsi al buio della caverna
       » l’uomo però, se insiste troppo verrà ucciso dai suoi compagni, stufi di racconti ed esortazioni
          Significati del mito della caverna
  1. livello ontologico » ombre della caverna sono le mere parvenze sensibili
                                     » statuette sono le cose sensibili
                                     » il muro della caverna è ciò che divide il sensibile dal sovrasensibile
                                     » i riflessi delle cose reali che si vedono negli stagni sono i concetti matematici
                                     » le cose della realtà corrispondono alle idee, il vero essere
                                     » il sole corrisponde all’idea di Bene, che dà luce a tutte le altre idee
  1. livello gnoseologico = il mito simboleggia i gradi della conoscenza
                                        » ombre proiettate sulla parete della caverna = eikasìa
                                        » statue che imitano gli oggetti della realtà = pistis
                                        » riflessi nello stagno, cioè idee matematiche = diànoia
                                        » realtà vera = noèsis (con il sole che è l’idea suprema di Bene)
                                        » passaggio dalla visione delle statue agli oggetti veri e al sole = dialettica
                                        » interno della caverna = realtà sensibile
                                        » esterno = mondo intellegibile
  1. livello mistico-teologico » la vita nella visione dei sensi e del sensibile è quella nella caverna
                                               » la vita nella luce del mondo è quella del puro spirito
                                               » liberazione dalle catene e lacci = conversione dell’uomo
                                               » visione del sole = contemplazione del Divino
  1. livello politico » lo stato ideale è vivere tutti la vita nella piena luce (impossibile)
                               » il filosofo(= uomo che esce dal buio della caverna) ha il dovere di tornare indietro,
                                  spinto dalla necessità e dalla compassione, per rendere partecipi gli altri uomini
                               » esprime il compito politico a cui è destinato il filosofo = convertire gli uomini
                               » il filosofo supera il suo desiderio per mettersi al servizio del Bene comune
                               » vero politico non ama il potere e il comando, ma li usa come strumenti per il bene
          Osservazioni » coloro che portano sulle spalle le statue sono degli artifici narrativi di cui Platone
                                aveva bisogno affinché le statue si muovessero, per dare l’idea di cambiamento,
                                movimento che caratterizza la realtà sensibile, ma non sono uomini particolari
                             » Platone è impreciso perché la condizione primaria dell’uomo non è quella di essere
                                abituato a vedere il prodotto dell’arte, le ombre, ma subito le statue degli oggetti
                             » mette l’uomo in questa condizione perché ha bisogno di inserire l’eikasìa
                             » la raffigurazione della condizione umana come prigionia esprime il concetto orfico
                                di corpoche Platone riprende come una gabbia, la prigione dell’anima

Un pensiero su “PLATONE – Il mito della caverna

  • Avatar
    12 Agosto 2014 in 19:19
    Permalink

    Platone aveva la sfera di cristallo, oppure conosceva davvero molto bene la natura umana. Il mito della caverna, in quest'epoca di rapida e "totalitaria" rivoluzione multimediale (come dimostrano fatti tipo l'11/9, la TV tende a mentire in modo sempre più spudorato, ma il web "culturale" è cosa per pochi e sembra sempre più complementare alla prima) è più che mai attuale…
    Le élite al potere (banche, petrolio, multinazionali di ogni cosa..), hanno trovato il modo di anestetizzarci per benino bloccandoci davanti allo schermo televisivo, moderno focolare (prima c'era l'immaginario hollywoodiano), o sulla tastiera di un PC.
    In relazione a quest'argomento segnalo l'interessante articolo di Filosofia Blog intitolato Il mito platonico della caverna e la crisi dell'identità e del soggetto nella science fiction contemporanea di Giancarlo Chiariglione

    http://www.filosofiablog.it/filosofia-contemporanea/il-mito-platonico-della-caverna-e-la-crisi-dellidentita-e-del-soggetto-nella-science-fiction-contemporanea/

    Saluti e Speranza!

I commenti sono chiusi.