Povero Catullo, smettila di impazzire

Sharing is caring!


Catullo, Carmina, 8

di Carlo Zacco

Carmina

 

VIII. Ad se ipsum

 

Miser Catulle,

desinas

ineptire,

et ducas

perditum

quod vides

perisse.

 

Povero Catullo,

smetti

di fare pazzie,

e considera

perduto

ciò che vedi

perduto.

 

 

Quondam

fulsere

tibi

candidi

soles,

cum ventitabas

quo

Un tempo

splendevano

per te

candidi

soli,

quando andavi in continuazione

dove

 

ducebat

puella

amata nobis

quantum

nulla

amabitur.

Ibi

fiebant

tum

ti portava

la ragazza

amata danoi

quanto

nessuna.

sarà amata.

si svolgevano

allora

 

illa multa

iocosa,

quae tu volebas

nec

puella nolebat,

tibi

vere

 

quei molti

giochi d’amore,

che tu volevi

la ragazza rifiutava,

per te

davvero

 

 

fulsere

candidi soles.

Nunc

illa

non vult iam:

tu quoque,

impotens,

noli,

splendevano

candidi soli.

Ora

ella

 non vuole più:

anche tu,

incapace,

cessa di volerlo,

 

nec sectare

[eam] quae fugit,

nec vive miser,

sed obstinata mente

e non continuare a seguire

colei che  fugge,

né vivere tormentandoti,

ma ostinatamente

 

perfer,

obdura.

Vale puella,

Catullus iam obdurat,

nec te requiret

nec rogabit

resisti,

tieni duro.

Addio ragazza,

Catullo è già insensibile,

e non ti cercherà

né ti supplicherà

 

invitam.

At tu dolebis,

cum nulla rogaberis.

Scelesta,

vae te,

 

 

contro la tua volontà.

Ma tu ti dorrai,

mando non sarai cercata.

Sciagurata,

guai a te,

 

 

 

quae vita tibi manet?

quis nunc te adibit?

cui videberis bella?

quem nunc amabis?

cuius

che vita ti aspetta?

chi ti cercherà ora?

a chi sembrerai bella?

chi amerai ora?

di chi

 

diceris esse?

quem basiabis?

cui labella mordebis?

at tu, Catulle,

destinatus obdura.

si dirà che tu sei?

chi bacerai?

a chi morderai le labbra?

ma tu, Catullo,

risoluto resisti.

 

shares