Proprietari di casa ovvero pecore da scorticare – di Giuseppe Castronovo

Pubblicità

Sharing is caring!

Pubblicità
Cecè: prima l’I. M. U., poi la T. A. R. I. e poi ancora la
T. A. S. I.  Quale sarà la prossima
diavoleria?
Filippo: non passa mese senza essere costretti a far la fila
ad uno sportello bancario o postale per pagare tasse su tasse.
Ludovico: ma le sorprese, in materia di tasse, non finiscono
mai!

Marco: Ludovico…. Spiega meglio il tuo pensiero.

Ludovico: caro Marco te lo spiego subito. Mi è arrivato così
come sarà arrivato a tutti voi – l’avviso per il pagamento della Tassa Rifiuti ( la famosa T. A. R. I.)  e sapete che cosa ho scoperto?
Marco: è arrivato anche a me e ho già pagato. Cosa c’è da
scoprire?
Ludovico: cari amici… avrete sicuramente notato che una
significativa componente dell’importo da pagare è  denominata “Tributo
provinciale”.

Giacomo: l’ho notato anch’io e mi son chiesto: “ma ste
Province sono state abolite o dell’abolizione è stato dato solo l’annuncio?
Alessio: amici miei… la verità è che le tasse sulla casa,
nonostante gli annunci e le false promesse di riduzione, continuano ad
aumentare sempre più.
Giacomo: gli ultimi 
Governi  non hanno  ancora capito che dovrebbero favorire la
proprietà della casa di abitazione senza gravarla di imposte eccessivamente
elevate  perché:
la casa dove si abita stabilmente è
fattore di coesione sociale;

-la tassazione sulla casa ai  livelli raggiunti con il Governo Monti e
seguenti scardina la famiglia e quidi la coesione sociale.
Prof. Vezio a
Lei la parola, ci esponga il suo pensiero.
Vezio: mi sia permesso raccontarvi di un dialogo tra l’Imperatore
Tiberio e i suoi Consiglieri che gli sottoponevano alla firma un decreto per
l’aumento di alcune imposte,

Consiglieri: questa è la nostra proposta.
Tiberio: sono elevate?
Consiglieri: SI! 
Ma…

Tiberio: SI oppure NO? Voi sapete quanto
apprezzi la chiarezza insita in questa affermazione e negazione. E poiché la
legge del SI e del NO non è stata ancora cambiata, ripeto la domanda: “Sono
elevate”?

Consiglieri: SI…PERO’

Tiberio: poiché avete ammesso che sono elevate abbassatele.

Consiglieri: di quanto?
Tiberio: dovete applicare quanto già sapete.
Consiglieri: cioè?
Tiberio: mi avete sempre sentito dire che “boni pastoris esse, tondere pecus, non deglubere”. “Il
buon pastore deve tosare le  pecore, non
scorticarle”.
 Attenetevi a
questo principio e io firmerò.
Alessio: quanta saggezza!
Giacomo: ma la saggezza, prof. Vezio, era un patrimonio
solamente degli Imperatori o possono essere altrettanto saggi anche i
Governanti italiani e i Sindaci dei nostri Comuni?
(dai dibattiti svolti al Circolo della Concordia)

Giuseppe Castronovo

Pubblicità
shares
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: