Regolamenti

 

Esistono nel nostro ordinamento norme legislative e norme regolamentari

Pertanto, le norme regolamentari sono vere e proprie norme, cioè sono cogenti al pari delle leggi.

La potestà regolamentare spetta allo stato nelle materie di legislazione esclusiva.

Lo Stato può delegare la competenza regolamentare alle Regioni. Cioè può chiedere alle Regioni di fare regolamenti su leggi statali.

La potestà regolamentare spetta alle Regioni in ogni altra materia.

La parte del leone, nel caso dei regolamenti, la fa quindi la Regione.

Può accadere, pertanto, che in una Regione si curi sia la potestà regolamentare delle leggi regionali sia, per delega, la potestà regolamentare di leggi statali.

Il permesso di costruire è una delibera particolare, mentre il regolamento regola in generale come si fa un permesso per costruire.

I Comuni possono dettare regolamenti per le funzioni ad essi attribuiti, anzitutto quelli della sua organizzazione (es. regolamento del personale comunale, regolamento edilizio comunale).

Come detto, però, è la Regione che utilizzi più frequentemente questo strumento del regolamento, e in proporzione, il Comune molto di meno.

Se lo Stato si sente invaso da un regolamento amministrativo di una Regione, la competenza è della Corte Costituzionale, attraverso lo strumento del conflitto di attribuzione. Lo stesso può fare la Regione, se si sente invaso da un regolamento amministrativo statale, che rientra in una competenza che dovrebbe essere regionale.