Riflessioni su “Uno, nessuno e centomila” di Luigi Pirandello – di Matteo D’Andrea