Storia di una gabbianella


e del gatto che le insegnò a volare

di Luis Sepùlveda

testo teatrale di Sauro Savelli

– antologia –

PRIMA PARTE

 

Lettura .01. – Parte I, capitoli 1 e 3

Gabbiano – Lettore 1 – Lettore 2 – Kengah

 

Lettura .02. – Parte I, capitoli 2 e 4

Bambino – Lettore 1 – Zorba – Kengah – Lettore 2

 

Lettura .03. – Parte I, capitoli 5, 6 e 7

Zorba – Segretario – Lettore – Colonnello – Diderot

 

Lettura .04. – Parte Prima, capitoli 8 e 9

Lettore 1 – Lettore 2 – Colonnello – Zorba – Segretario – Diderot

 

 

 

 

SECONDA PARTE

 

Lettura .05. – Parte Seconda, capitoli 1 e 2

Lettore 1 – Lettore 2 – Fortunata – Zorba – Diderot – Colonnello – Segretario

 

Lettura .06. – Parte Seconda, capitoli 3, 4 e 5

Lettore – Gatto 1 – Gatto 2 – Fortunata – Zorba – Segretario – Colonnello – Sopravento

 

Lettura .07. – Parte Seconda, capitoli 7 e 8

Lettore 1 – Lettore 2 – Diderot – Fortunata – Zorba – Segretario – Sopravento – Colonnello

 

Lettura .08. – Parte Seconda, capitolo 11

Lettore 1 – Lettore 2 – Zorba – Poeta – Fortunata –

 

 


 

personaggi ed interpreti

 

 

 

PRIMA PARTE

 

 

Lettura .01. – Parte I, capitoli 1 e 3

                                                      Lettore 1    

                                                      Lettore 2    

                                                     Gabbiano    

                                                        Kengah    

 

 

Lettura .02. – Parte I, capitoli 2 e 4

                                                      Lettore 1    

                                                      Lettore 2    

                                                      Bambino    

                                                           Zorba    

                                                        Kengah    

 

 

Lettura .03. – Parte I, capitoli 5, 6 e 7

                                                         Lettore    

                                                           Zorba    

                                                    Segretario    

                                                   Colonnello    

                                                        Diderot    

 

 

Lettura .04. – Parte I, capitoli 8 e 9

                                                      Lettore 1    

                                                      Lettore 2    

                                                   Colonnello    

                                                           Zorba    

                                                    Segretario    

                                                        Diderot    

 

 

 


 

SECONDA PARTE

 

 

Lettura .05. – Parte Seconda, capitoli 1 e 2

                                                      Lettore 1    

                                                      Lettore 2    

                                                     Fortunata    

                                                           Zorba    

                                                        Diderot    

                                                   Colonnello    

                                                    Segretario    

 

 

Lettura .06. – Parte Seconda, capitoli 3, 4 e 5

Lettore – Gatto 1 – Gatto 2 – Fortunata – Zorba – Segretario – Colonnello – Sopravento

                                                         Lettore    

                                                        Gatto 1    

                                                        Gatto 2    

                                                     Fortunata    

                                                           Zorba    

                                                        Diderot    

                                                   Colonnello    

                                                    Segretario    

                                                  Sopravento    

 

 

Lettura .07. – Parte Seconda, capitoli 7 e 8

Lettore 1 – Lettore 2 – Diderot – Fortunata – Zorba – Segretario – Sopravento – Colonnello

                                                      Lettore 1    

                                                      Lettore 2    

                                                        Diderot    

                                                     Fortunata    

                                                           Zorba    

                                                    Segretario    

                                                  Sopravento    

                                                   Colonnello    

 

 

Lettura .08. – Parte Seconda, capitolo 11

                                                      Lettore 1    

                                                      Lettore 2    

                                                           Zorba    

                                                            Poeta    

                                                     Fortunata    

 

 

Lettura .01. – Parte I, capitoli 1 e 3

Gabbiano – Lettore 1 – Lettore 2 – Kengah

 

Gabbiano       Banco di aringhe a sinistra!

Lettore 1        Annunciò il gabbiano di vedetta.

Lettore 2        E lo stormo del Faro della Sabbia Rossa accolse la notizia con strida di sollievo.

Lettore 1        Da sei ore volavano senza interruzione.

Lettore 2        E anche se i gabbiani pilota li avevano guidati lungo correnti daria calda che rendevano piacevole planare sopra l’oceano, sentivano ilo bisogno di rimettersi in forze.

Lettore 1        E cosa cera di meglio per questo di una buona scorpacciata di aringhe?

Lettore 2        Volavano sopra la foce del fiume Elba, nel mare del Nord.

Lettore 1        Dall’alto vedevano le navi in fila indiana.

Lettore 2        Come pazienti e disciplinati animali acquatici, in attesa del loro turno per uscire in mare aperto e poi far rotta per tutti i porti della Terra.

Lettore 1        A Kengah

Lettore 2        Una gabbiana dalle piume color argento.

Lettore 1        Piaceva particolarmente osservare le bandiere delle navi, perché sapeva che ognuna rappresentava un modo di parlare.

Lettore 2        Di chiamare le stesse cose con parole diverse.

Kengah           Com’è difficile per gli umani. Noi gabbiani, invece, stridiamo nello stesso modo in tutto il mondo.

Lettore 1        Commentò una volta Kengah con un compagno di volo.

Gabbiano       Proprio cos’. E la cosa più straordinaria è che ogni tanto riescono anche a capirsi.

Lettore 2        al di là della linea costiera il paesaggio diventava di un verde intenso.

Lettore 1        Era un enorme prato nel quale spiccavano le greggi di pecore che pascolavano al riparo delle dighe, e i pigri bracci dei mulini a vento.

Lettore 2        Seguendo le istruzioni dei gabbiani pilota, lo stormo si lanciò in picchiata sul branco di aringhe.

Lettore 1        Centoventi corpi bucarono l’acqua come frecce e, quando risalirono a galla, ogni gabbiano stringeva un pesce nel becco.

Lettore 2        Aringhe saporite.

Lettore 1        Saporite e grasse.

Lettore 2        Proprio quello di cui avevano bisogno per recuperare energie prima di riprendere il volo fino a Den Helder.

Lettore 1        Dove a loro si sarebbe unito lo stormo delle isole Frisoni. […]

Kengah           Sarà un bell’incontro.

Lettore 2        Pensava Kengah. […]

Lettore 1        E infilò la testa sottacqua per acchiappare la quarta aringa.

Lettore 2        E cos’ non sentì il grido d’allarme che fece tremare l’aria.

Gabbiano       Pericolo a dritta! Decollo demergenza!

Lettore 1        Quando Kengah tirò di nuovo fuori la testa, si ritrovò sola nell’immensità dell’oceano. […]

Lettore 2        Kengah aprì le ali per spiccare il volo, ma l’onda densa fu più rapida e la sommerse completamente.

Lettore 1        Quando tornò a galla la luce del giorno era scomparsa, e dopo aver scosso il capo con energia capì che la maledizione dei mari le stava oscurando la vista.

Lettore 2        Kengah, la gabbiana dalle piume d’argento, tuffò varie volte la testa sottacqua, sinché qualche filo di luce non raggiunse le sue pupille coperte di petrolio. […]

Lettore 1        Disperata all’idea di una fine lenta si agitò, e con stupore si accorse che il petrolio non le aveva incollato le ali al corpo.

Kengah           Forse ho ancora una possibilità di uscire da qui, e volando in alto, molto in alto, forse il sole scioglierà il petrolio.

Lettore 1        Kengah batté energicamente le ali.

Lettore 2        Ritirò le zampe.

Lettore 1        Si innalzò di un paio di palmi.

Lettore 2        Ricadde sulle onde.

Lettore 1        […] Si tiffò ancora una volta.

Lettore 2        E con il becco cercò di tirar via lo strato di sporco che le copriva la coda.

Lettore 2        […] Al quinto tentativo, Kengah riuscì a spiccare il volo.

Lettore 1        […] Guadagnò quota. […] Ma il sole non ebbe gli effetti sperati.

Lettore 2        Kengah capì che le forse non le sarebbero durate ancora a lungo.

Lettore 1        E cercando un posto per scendere, volo verso l’entroterra.

Lettore 2        Seguendo la serpeggiante linea verde dell’Elba.

 


 

Lettura .02. – Parte I, capitoli 2 e 4

Bambino – Lettore 1 – Zorba – Kengah – Lettore 2

 

Bambino        Mi dispiace molto lasciarti solo.

Lettore 1        Disse il bambino accarezzando il dorso del gatto nero grande e grosso. Poi continuò a preparare lo zaino. […] Era difficile decidere cosa portarsi via per le vacanze e cosa lasciare a casa. […]

Bambino        Ho preso la mschera subacquea? Zorba, hai visto la mia maschera subacquea? No. non la conosci perché a te non piace l’acqua. non sai cosa ti perdi. […] Un po di croccantini?

Lettore 1        Gliene serv’ una porzione più che generosa, e il gatto nero grande e grosso iniziò a masticare lentamente, per gustarli bene. Che biscottini deliziosi, croccanti, al sapore di pesce!

Zorba             È un ragazzo fantastico.

Lettore 1        Pensò il gatto con la bocca piena.

Zorba             Altro che fantastico. È il migliore!

Lettore 1        […] Zorba, il gatto  nero grande e grosso, aveva degli ottimi motivi per pensarla cos’ di quel bambino. […] Come tutti i ragazzi di porto, anche quel bambino sognava viaggi in paesi lontani. […]

Bambino        Ci vediamo fra quattro settimane. Penserò a te tutti i giorni, Zorba. Te lo prometto. […]

Lettore 1        Il gatto nero grande e grosso sentì chiudere la porta a doppia mandata. […] Per quattro settimane sarebbe stato signore e padrone dell’appartamento. Un amico di famiglia sarebbe venuto ogni giorno ad aprirgli un barattolo di cibo e a pulirgli la lettiera. Quattro settimane per oziare sulle poltrone e sui letti, o per uscire sul balcone, arrampicarsi sl tetto, saltare sui rami del vecchio ippocastano […] Non si sarebbe annoiato. Assolutamente. […]

Lettore 2        Nel preciso istante in cui si girava pigramente per farsi scaldare la schiena dal sole, sentì un sibilo provocato da un oggetto volante che non seppe identificare e che si avvicinava a grande velocità. Vigile, balzò in piedi sulle zampe e fece appena in tempo a scansarsi per schivare la gabbiana che cadde sul balcone. Era un uccello molto sporco. Aveva tutto il corpo impregnato di una sostanza scura e puzzolente. Zorba si avvicinò e la gabbiana tentò di alzarsi trascinando le ali.

Zorba             Non è stato un atterraggio molto elegante.

Kengah           Mi dispiace. Non ho potuto evitarlo.

Zroba             Senti, sembri ridotta malissimo, cos’è quella roba che hai addosso? E come puzzi!

Kengah           Sono stata raggiunta da un’onda nera. Dalla peste nera. La maledizione dei mari. Morirò.

Zorba             Morire? Non dire cos’. Sei solo stanza e sporca. Tutto qua. Perché non voli fino allo zoo? Non è lontano e là hanno veterinari che potranno aiutarti.

Kengah           Non ce la faccio, questo è stato il mio ultimo volo. […]

Zorba             Senti, amica, io voglio aiutarti, ma non so come. Cerca di riposare mentre vado a chiedere cosa si fa con un gabbiano ammalato.

Lettore 2        […] Si stava allontanando […] quando sentì che la gabbiana lo chiamava.

Zorba             Vuoi che ti lasci un po del mio cibo?

Kengah           Voglio deporre un uovo. Con le ultime forze che mi restano voglio deporre un uovo. Amico gatto, si vede che sei un animale buono e di nobili sentimenti. Per questo ti chiedo di farmi tre promesse. Mi accontenterai? […]

Lettore 2        Zorba pensò che la povera gabbiana stava delirando e che con un uccello in uno stato cos’ pietoso si poteva solo essere generosi.

Zorba             Ti prometto tutto quello che vuoi. Ma ora riposa.

Kengah           Non ho tempo di riposare. Promettimi che non ti mangeria l’uovo. […]

Zorba             Prometto che non mi mangerò l’uovo. [

Kengah           Promettimi che ne avrai cura finché non sarà nato il piccolo. […]

Zorba             Prometto che avrò cura dell’uovo finché non sarà nato il piccolo.

Kengah           E promettimi che gli insegnerai a volare.

Lettore 2        Allora Zorba si rese conto che quella sfortunata gabbiana non solo delirava, ma era completamente pazza.

Zorba             Prometto che gli insegnerò a volare. E ora riposa, io vado in cerca di aiuto.

Lettore 2        Miagolò Zorba balzando direttamente sul tetto. Kengah guardò il cielo, ringraziò tutti i buoni venti che l’avevano accompagnata e, proprio mentre esalava l’ultimo respiro, un ovetto bianco con delle macchioline azzurre rotolò accanto al suo corpo impregnato di petrolio.


 

Lettura .03. – Parte I, capitoli 5, 6 e 7

Zorba – Segretario – Lettore – Colonnello – Diderot

 

Zorba             […] Ho bisogno di miagolare con Colonnello. È urgente.

Segretario      Urgente! Sempre con urgenze all’ultimo minuto! Vedrò cosa posso fare, ma solo perché si tratta di un’urgenza.

Lettore           Colonnello era un gatto dall’età indefinibile. […] Ma la sua età non importava, perché Colonnello possedeva uno strano talento per dar consigli a chi si trovava in difficoltà. E per quanto non risolvesse mai alcun problema, i suoi consigli per lo meno davano un po di conforto. […] Colonnello era una vera autorità fra i gatti del porto.

Segretario      Seguimi. Colonnello ti riceverà, ma in via del tutto eccezionale. […]

Colonnello      Ciao guaglione! […]

Zorba             Scusa se ti disturbo nel bel mezzo del lavoro, ma ho un problema grave e mi occorre un consiglio.

Colonnello      Sono al tuo servizio, caro guaglione.

Lettore           Zorba […] rifer’ rapidamente il movimentato arrivo della gabbiana, le sue penose condizioni, e le promesse che si era visto costretto a farle. […]

Colonnello      Mannaggia! Bisogna aiutare quella povera gabbiana a riprendere il volo.

Zorba             S’, ma come?

Segretario      La cosa migliore è consultare Diderot.

Colonnello      È esattamente ciò che stavo per suggerire. Ma perché questo mi toglie i miagolii di bocca?

Zorba             S’, è una buona idea. Andrò da Diderot.

Colonnello      Andremo insieme. I problemi di un gatto del porto sono problemi di tutti i gatti del porto.

Lettore           I tre gatti […] corsero verso il tempio di Diderot. Diderot viveva in un posto abbastanza difficile da descrivere, perché a prima vista poteva sembrare un disordinato negozio di oggetti strani, un museo di bizzarrie, un deposito di macchine inservibili, la biblioteca più caotica del mondo, o il laboratorio di qualche dotto inventore di aggeggi impossibili da definire. […]

Diderot           Terribile! Terribile! È successa una cosa terribile.

Lettore           Miagolò Diderot quando li vide arrivare.

Segretario      Cos’è successo?

Colonnello      È esattamente quello che stavo per domandare. A quanto pare togliermi i miagolii di bocca è unossessione.

Zorba             Su. Non sarà poi cos’ grave.

Diderot           Come non è cos’ grave? È terribile! Terribile! Quei dannati topi si sono mangiati un’intera pagina dellatlante. La cartina del Madagascar è scomparsa. È terribile!

Colonnello      Segretario, mi ricordi che devo organizzare una battuta contro quei divoratori di Masacar Masgacar insomma, lei sa a cosa mi riferisco.

Segretario      Madagascar.

Colonnello      Continui. Continui pure a togliermi i miagolii di bocca. Mannaggia!

Zorba             Ti daremo una mano, Diderot, ma ora siamo qui perché abbiamo un grosso problema e, visto che tu sai cos’ tante cose, forse puoi aiutarci.

Lettore           E subito gli narrò la triste storia della gabbiana. […]

Zorba             E cos’ lho lasciata, molto malridotta, poco fa

Diderot           Che storia terribile! Terribile! Vediamo, fatemi pensare: gabbiano petrolio petrolio gabbiano gabbiano ammalato ci sono! Dobbiamo consultare lenciclopedia!

Zorba, Colonnello, Segretario         La cosa?

Diderot           La en-ci-clo-pe-dia. Il libro del sapere. Dobbiamo cercare nei volumi sette e sedici, corrispondenti alle lettere G e P.

Colonnello      E allora vediamo questa emplico empico hem hem!

Segretario      En-ci-clo-pe-dia.

Colonnello      È ciò che stavo per dire. […]

Lettore           Ma ciò che lenciclopedia diceva dei gabbiani non fu di grnade aiuto. […] E anche quello che trovarono sul petrolio non li portò a scoprire come aiutare la gabbiana. […]

Zorba             Per gli aculei del riccio! Siamo di nuovo daccapo.

Diderot           È terribile! Terribile! Per la prima volta lenciclopedia mi ha deluso!

Colonnello      E in questa emplico encimole insomma, sai cosa intendo, non ci sono consigli pratici su come togliere le macchie di petrolio?

Diderot           Geniale! Terribilmente geniale! Avremmo dovuto iniziare da l’. Vi tirò giù subito giù il diciannovesimo volume, lettera S, come smacchiatore.

Lettore           […] Nella pagina dedicata dedicata alla parola smacchiatore” trovarono, oltre a come togliere le macchie di marmellata, inchiostro di china, sangue e sciroppo di lamponi, la soluzione per eliminare le macchie di petrolio.

Diderot           Si pulisce la superficie interessata con un panno bagnato di benzina”. Ecco qua!

Zorba             Ecco qua un bel nulla. Dove diavolo troviamo della benzina?

Colonnello      Be, se non ricordo male, negli scantinati del ristorante abbiamo un barattolo con dei pennelli a mollo nella benzina. Segrewtario, sa già cosa fare.

Segretario      Mi perdoni, signore, ma non afferro al sua idea.

Colonnello      È molto semplice: lei si bagnerà adeguatamente la coda di benzina e poi andremo a occuparci di quella povera gabbiana.

Segretario      Ah no! Questo proprio no! Assolutamente no!

Colonnello      Le ricordo che il menù di stasera prevede doppia razione di fegato alla panna.

Segretario      Infilare la coda nella benzina! Ha detto fegato alla panna?

Lettore           Diderot decise di accompagnarli. […]

 

Lettura .04. – Parte Prima, capitoli 8 e 9

Lettore 1 – Lettore 2 – Colonnello – Zorba – Segretario – Diderot

 

Lettore 1        I quattro gatti balzarono dal tetto sul balcone e capirono immediatamente di essere arrivati troppo tardi.

Lettore 2        Colonnello, Diderot e Zorba osservarono con rispetto il corpo senza vita della gabbiana, mentre Segretario agitava la coda al vento per farle perdere l’odore della benzina.

Colonnello      Credo che dovremmo chiuderle le ali. Si fa cos’ in questi casi.

Lettore 1        Vincendo la ripugnanza che provocava in loro quell’essere impregnato di petrolio, le unirono le ali al corpo.

Lettore 2        Mentre la muovevano, scoprirono l’uovo bianco a macchioline azzurre.

Zorba             Luovo! È riuscita a deporre l’uovo!

Colonnello      Ti sei cacciato in un bel pasticcio, caro guaglione. In un bel pasticcio davvero!

Zorba             Che farò con l’uovo?

Segretario      Con un uovo si possono fare molte cose. Una frittata, per esempio.

Diderot           Oh s’! Uno sguardo allenciclopedia ci dirà come preparare la migliore delle frittate. L’argomento è trattato nel sesto volume, lettera F.

Colonnello      Non se ne miagola neanche! Zorba ha promesso a quella povera gabbiana che si sarebbe preso cura dell’uovo e del piccolo. La parola d’onore di un gatto del porto impegna tutti i gatti del porto, quindi l’uovo non si tocca.

Zorba             Ma io non so prendermi cura di un uovo! Non mi era mai stato affidato un uovo prima dora!

Lettore 1        Allora tutti i gatti guardarono Diderot.

Lettore 2        Forse nella sua famosa

Lettore 1 e 2   En-ci-clo-pe-dia

Lettore 2        cera qualcosa al riguardo.

Diderot           Devo consultare il ventunesimo volume, lettera U. sicuramente c’è tutto quello che dobbiamo sapere sull’uovo, ma fin dora consiglio calore, calore corporeo, molto calore corporeo.

Segretario      Ossia bisogna sdraiarsi sull’uovo, ma senza romperlo.

Colonnello      È esattamente ciò che stavo per suggerire. Zorba, tu rimani con l’uovo e noi accompagneremo Diderot a vedere cosa dice la sua enpilo encimope insomma, sai a cosa mi riferisco. Torneremo stasera con le novità e daremo sepoltura a questa povera gabbiana.

Lettore 1        Stabil’ Colonnello prima di saltare sul tetto.

Lettore 2        Diderot e Segretario lo seguirono.

Lettore 1        Zorba rimase sul balcone, accanto all’uovo e alla gabbiana morta.

Lettore 2        Con grande attenzione si sdraiò e si avvicinò l’uovo alla pancia.

Lettore 1        Si sentiva ridicolo. […]

Lettori 1 e 2   Ma una promessa è una promessa.

Lettore 2        E cos’, al tepore dei raggi del sole, si addormentò con l’uovo bianco a macchioline azzurre ben stretto contro il suo ventre nero.

Lettore 1        [Alcune ore dopo,] alla luce della luna Segretario, Diderot, Colonnello e Zorba scavarono una buca ai piedi dellippocastano.

Lettore 2        Poco prima, badando che nessun umano li vedesse, avevano gettato la gabbiana morta dla balcone nel cortile interno.

Lettore 1        La depositarono in fretta nella fossa e la coprirono di terra.

Colonnello      Compagni gatti, in questa notte di l’una ci congediamo dai resti di una sfortunata gabbiana. […] Sappiamo pochissimo di lei, ma l’importante è che sia arrivata moribonda fino a casa di Zorba, uno die nostri, e che abbia riposto in lui tutta la sua fiducia. Zorba ha promesso di prendersi cura dell’uovo che lei ha deposto prima di morire, del piccolo che nascerà, e la cosa più difficile di tutti, compagni, ha promesso di insegnargli a volare!

Diderot           Volare. Ventiduesimo volume, lettera V.

Segretario      È esattamente ciò che il signor Colonnello stava per dire. Non gli tolga i miagolii di bocca

Colonnello      Promesse difficile da mantenere, ma sappiamo che un gatto del porto mantiene sempre i suoi miagolii. […] E ora diciamo addio a questa gabbiana vittima della disgrazia provocata dagli umani. Allunghiamo il collo alla luna e miagoliamo la canzone daddio dei gatti del porto.

Lettore 2        Ai piedi del vecchio ippocastano i quattro iniziarono a miagolare una triste litania.


 

Lettura .05. – Parte Seconda, capitoli 1 e 2

Lettore 1 – Lettore 2 – Fortunata – Zorba – Diderot – Colonnello – Segretario

 

Lettore 1        Per molti giorni il gatto nero grande e grosso rimase sdraiato accanto all’uovo, proteggendolo e riavvicinandolo con tutta la delicatezza delle sue zampe pelose ogni volta che con un movimento involontario del corpo lo allontanava di un paio di centimetri.

Lettore 2        Furono giorni lunghi e pieni di disagi, che ogni tanto gli parevano completamente inutili perché gli sembrava di prendersi cura di un oggetto senza vita

Lettore 1        Una specie di fragile sasso, anche se bianco a macchioline azzurre.

Lettore 2        […] Covare non era stato facile per il gatto nero grande e grosso. […]

Lettore 1        La sera del ventesimo giorno, Zorba stava dormicchiando.

Lettore 2        Perciò non si accorse che l’uovo si muoveva.

Lettore 1        Lentamente, ma si muoveva.

Lettore 2        Come se volesse mettersi a rotolare per l’appartamento.

Lettore 1        Lo svegliò un solletichio alla pancia.

Lettore 2        Apr’ gli occhi e non poté evitare un sussulto quando si accorse che, da una crepa nel guscio, appariva e scompariva una puntina gialla.

Lettore 1        Zorba prese l’uovo fra le zampe anteriori e cos’ vide che il pulcino beccava fino ad aprirsi un varco attraverso il quale fece capolino la sua minuscola testa umida e bianca.

Fortunata       Mamma!

Lettore 2        Zorba non seppe cosa rispondere.

Lettore 1        Sapeva che la sua pelliccia era mera

Lettore 2        Ma pensò che l’emozione e il rossore dovevano averlo trasformato in un gatto viola.

Fortunata       Mamma! Mamma, ho fame!

Lettore 1        Cosa poteva dargli da mangiare?

Lettore 2        Diderot non aveva miagolato nulla su questo argomento.

Lettore 1        Sapeva che i gabbiani si nutrono di pesce, ma dove trovava lui adesso un pezzo di pesce?

Lettore 2        Zorba corse in cucina e tornò indietro facendo rotolare una mela. […]

Lettore 1        Il piccolo becco giallo toccò la buccia.

Lettore 2        Si piegò come fosse stato di gomma.

Lettore 1        Quando poi si raddrizzò di nuovo, catapultò il pulcino all’indietro facendolo cadere.

Fortunata       Ho fame! Mamma! Ho fame!

Lettore 2        Zorba tentò di fargli beccare una patata.

Lettore 1        Qualche croccantino. […]

Lettori 1 e 2   Fu tutto inutile.

Lettore 2        Allora, in preda alla disperazione, ricordò che il pulcino era un uccello e che gli uccelli mangiano gli insetti.

Lettore 1        Usc’ sul balcone e aspetto pazientemente che una mosca arrivasse a tiro delle sue grinfie.

Lettore 2        Non tardò a catturarne una e la consegno allaffamato.

Lettore 1        Il piccolo prese la mosca nel becco.

Lettore 2        Strinse.

Lettore 1        E chiudendo gli occhi la ingoiò.

Fortunata       Buona pappa! Ancora, mamma, ancora!

Lettore 2        Zorba saltava da una parte all’altra del balcone.

Lettore 1        Aveva preso cinque mosche e un ragno. […]

Lettore 2        Il pulcino divorò tutte e cinque le mosche.

Lettore 1        Ma si rifiutò di assaggiare il ragno.

Lettore 2        Soddisfatto, fece un ruttino, e si rannicchiò stretto stretto al ventre di Zorba.

Fortunata       Ho sonno, mamma.

Zorba             Senti, mi dispiace, ma io non sono la tua mamma.

Fortunata       Certo che sei la mia mamma. E sei una mamma molto buona.

Lettore 1        Quando arrivarono Colonnello, Segretario e Diderot, trovarono il piccolo addormentato accanto a Zorba.

Diderot           Congratulazioni! È un bellissimo pulcino. Quando pesava quando è nato?

Zorba             Che razza di domanda è? Non sono mica sua madre!

Colonnello      È quello che si chiede in questi casi. Non la prendere male. […]

Diderot           Terribile! Terribile!

Colonnello      Potresti dirci cosa è cos’ terribile?

Diderot           Il piccolo non ha nulla da mangiare. È terribile!

Zorba             Ha ragione. Ho dovuto dargli delle mosche e credo che ben presto vorrà mangiare di nuovo.

Colonnello      Segretario, cosa aspetta?

Segretario      Mi perdoni, signore, ma non la seguo.

Colonnello      Corra al ristorante e torni con una sardina.

Segretario      E perché proprio io, eh? Perché devo essere sempre io il gatto delle commissioni, eh? Va a bagnarti la coda nella benzina, va a cercare una sardina. Perché sempre io, eh?

Colonnello      Perché stasera, caro signore, avremo per cena dei calamari alla romana. Non le sembra una buona ragione?

Segretario      E la coda mi puzza ancora di benzina ha detto calamari alla romana?

Fortunata       Mamma, chi sono questi?

Diderot           Mamma! Ti ha chiamato mamma! Ma è terribilmente tenero! […]

Colonnello      Bene, caro guaglione, hai tenuto fede alla prima promessa e stai mantenendo la seconda. Ti resta solo la terza.

Zorba             La più facile: insegnargli a volare.

Diderot           Ci riusciremo. Sto consultando lenciclopedia, ma il sapere richiede il suo tempo.

Fortunata       Mamma! Ho fame!


 

Lettura .06. – Parte Seconda, capitoli 3, 4 e 5

Lettore – Gatto 1 – Gatto 2 – Fortunata – Zorba – Segretario – Colonnello – Sopravento

 

Lettore           Zorba stava ricoprendo con cura i suoi escrementi quando le strida allarmate del piccolo lo richiamarono sul balcone. Quello che vide gli fece gelare il sangue nelle vene. Due gatti [stranieri] erano sdraiati davanti al pulcino, e uno di loro lo teneva fermo con le grinfie sopra la coda. Per fortuna gli voltavano le spalle e non lo videro arrivare. Zorba tese tutti i muscoli del corpo.

Gatto 1           Chi l’avrebbe mai detto, amico, che avremmo trovato una colazione cos’ buona. È piccolo, ma ha unaria saporita.

Fortunata       Mamma! Aiuto!

Gatto 2           La cosa che più mi piace negli uccelli sono le ali. Questo le ha piccole, ma le cosce sembrano polposette.

Lettore           Zorba saltò. Mentre era in aria sfoderò tutti e dieci gli artigli delle zampe anteriori e, quando atterrò in mezzo ai due furfanti, sbatté loro le tester per terra. […]

Fortunata       Mamma! Mi volevano mangiare!

Gatto 1           Mangiarci suo figlio? Nossignora. Niente affatto.

Gatto 2           Siamo vegetariani, signora. Vegetariani stretti.

Zorba             Non sono una signora”, idioti.

Lettore           Miagolò Zorba, tirandoli per le orecchie in modo che potessero vederlo.

Gatto 1           Hai un figlio molto bello, amico, diventerà un gran gatto.

Gatto 2           Questo è poco ma sicuro. È un gattino splendido.

Zorba             Non è un gatto. È un piccolo di gabbiano, stupidi.

Gatto 1           È quello che dico sempre al mio amico: bisogna avere dei figli gabbiani. Vero amico?

Lettore           Zorba […] ritrasse le zampe antieriori e i suoi artigli lacerarono le orecchie dei due vigliacchi. Scapparono di corsa miagolando dal dolore.

Fortunata       Ho una manna molto coraggiosa!

Lettore           Zorba capì che il balcone non era un posto sicuro.

Zorba             Vieni, andiamo a fare una passeggiata. […]

Lettore           [I gatti,] dopo una breve consultazione decisero che Zorba e il pulcino avrebbero vissuto nel bazar di Diderot.

Segretario      Non sarebbe male che luccellino avesse un nome.

Colonnello      È esattamente ciò che stavo per proporre. […]

Zorba             Sono d’accordo. Deve avere un nome, ma prima dobbiamo scoprire se è maschio o femmina. […]

Segretario      Sopravento! L’unico che può aiutarci a scoprire se è un pulcino o una pulcina è Sopravento.

Colonnello      È esattamente quello che stavo per miagolare. […]

Lettore           Passarono tre giorni prima che potessero vedere Sopravento, che era un gatto di mare, un autentico gatto di mare.

Sopravento    Buongiorno

Colonnello      Finalmente sei arrivato, non sai quanto bisogno avevamo di te!

Lettore           Rapidamente gli miagolarono la storia della gabbiana e delle promesse di Zorba, promesse che, ripeterono, impegnavano anche tutto loro.

Sopravento    Per l’inchiostro del calamaro! Accadono cose terribili nel mare. A volte mi chiedo se certi umani sono impazziti, perché tentano di trasformare l’oceano in un enorme immondezzaio. […] E cosa posso farre io per quel povero uccello?

Colonnello      solo tu, che conosci i segreti del mare, puoi dirci se il piccolo è maschio o femmina.

Lettore           Lo accompagnarono dal pulcino che dormiva. […] Sopravento all’ungò una delle zampe davanti, gli esaminò la testa, e poi sollevò le piume che iniziavano a crescergli sulla coda.

Sopravento    Per le zampe del granchio! È una bella pulcina che un giorno deporrà tante uova quanti peli ho sulla coda!

Colonnello      Visto che la pulcina ha avuto la fortuna di cadere sotto la nostra protezione, propongo di chiamarla Fortunata.

Sopravento    Per il fegato del merluzzo! È un bel nome! […]

Diderot           Sono sicuro che un giorno farà qualcosa di importante, di straordinario. […]

Lettore           Tutti furono d’accordo sul nome proposto da Colonnello.

Tutti               Ti salutiamo, Fortunata, amica dei gatti!


 

Lettura .07. – Parte Seconda, capitoli 7 e 8

Lettore 1 – Lettore 2 – Diderot – Fortunata – Zorba – Segretario – Sopravento – Colonnello

 

Lettore 1        […] Dalla cima di una libreria Colonnello, Segretario, Zorba e Sopravento osservavano attentamente quello che accadeva in basso.

Lettore 2        Giù cerano Fortunata, in piedi in fondo a un corridoio che avevano denominato pista di decollo, e Diderot chino all’altro capo del corridoio sul dodicesimo volume, corrispondente alla lettera L, dellenciclopedia.

Lettore 1        Il libro era aperto su una delle pagine dedicate a Leonardo da Vinci, dove si vedeva un curioso aggeggio battezzato macchina per volare” del grande maestro italiano.

Diderot           Per favore, prima di tutto controlliamo la stabilità dei punti dappoggio a e b.

Lettore 2        Ordinò Diderot.

Fortunata       Prova punti dappoggio a e b.

Lettore 1        Ripeté Fortunata saltando prima sulla zampa sinistra a poi sulla destra.

Diderot           Perfetto. Ora controlleremo l’estensione dei punti c e d.

Fortunata       Prova estensione punti  c e d.

Lettore 2        Obbed’ Fortunata spiegando entrambe le ali.

Diderot           Perfetto! Ripetiamo tutto daccapo.

Sopravento    Per i baffi del rombo! Falla volare una buona volta!

Diderot           Le ricordo che sono il responsabile tecnico di volo! Tutto deve essere adeguatamente controllato, altrimenti le conseguenze potrebbero essere terribili per fortunata. Terribili!

Segretario      Ha ragione. Lui sa quello che fa.

Colonnello      È esattamente ciò che stavo per miagolare. La finirà mai di togliermi i  miagolii di bocca? […]

Diderot           Pronta al decollo!

Fortunata       Pronta al decollo!

Diderot           Inizi a rollare sulla pista spingendo indietro il suolo con i punti di appoggio a e b.

Lettore 1        Fortunata venne avanti, ma lentamente, come se avanzasse su pattini male oliati.

Diderot           Maggiore velocità!

Lettore 2        La giovane gabbiana accelerò un po.

Diderot           Ora allunghi i punti c e d!

Lettore 1         Fortunata spiegò le ali mentre avanzava.

Diderot           Ora sollevi il punto e!

Lettore 2        Fortunata alzò le piume della cosa.

Diderot           E ora muova dall’alto in basso i punti c e d spingendo l’aria verso terra, e contemporaneamente ritiri i punti a e b!

Lettore 1        Fortunata batté le ali.

Lettore 2        Ritrasse le zampe.

Lettore 1        Si innalzò di un paio di centimetri.

Lettore 2        E subito ricadde come un sacco di patate.

Lettore 1        Con un balzo i gatti scesero dalla libreria e corsero da lei.

Lettore 2        La trovarono con gli occhi pieni di lacrime.

Fortunata       Sono una buona a nulla! Sono una buona a nulla!

Zorba             Non si vola mai al primo tentativo, ma ci riuscirai. Te lo prometto.

Lettore 1        Diderot cercava di trovare l’errore guardando e riguardando la macchina del volo di Leonardo.

Lettore 2        Fortunata tentò di spiccare il volo diciassette volte.

Lettore 1        E per diciassette volte fin’ a terra dopo essere riuscita ad innalzarsi solo di pochi centimetri. […]

Lettore 2        Dopo l’ultimo insuccesso, colonnello decise di sospendere gli esperimenti.

Lettore 1        Perché la sua esperienza gli diceva che la gabbianella iniziava a perdere fiducia in se stessa.

Lettore 2        E questo era molto pericoloso se davvero voleva volare.

Segretario      Forse non può farcela. Forse ha vissuto troppo tempo con noi e ha perso la capacità di volare.

Diderot           Se si seguono le istruzioni tecniche e si rispettano le leggi dellaerodinamica, volare è possibile. […]

Sopravento    Per la coda della razza! È una gabbiana e i gabbiani volano!

Zorba             Deve volare. L’ho promesso a sua madre e a lei. Deve volare.

Colonnello      E la tua promessa impegna anche tutti noi.

Zorba             Riconosciamo che non siamo capaci di insegnarle a volare e che dobbiamo chiedere aiuto fuori dal mondo dei gatti.

Colonnello      Miagola chiaro, guaglione. Dove vuoi arrivare?

Zorba             Chiedo di essere autorizzato a infrangere il tabù per la prima e ultima volta in vita mia.

Gatti               Infrangere il tabù!

Lettore 1        Miagolare lidioma degli umani è tabù”.

Lettore 2        Cos’ recitava la legge dei gatti.

Lettore 1        E non perché loro non avessero interesse a comunicare.

Lettore 2        Il grosso rischio era nella risposta che avrebbero dato gli umani.

Lettore 1        Cosa avrebbero fatto a un gatto parlante?

Lettore 2        Sicuramente lo avrebbero rinchiuso in una gabbia per sottoporlo a ogni genere di stupidi esami.

Lettore 1        Perché in genere gli uomini sono incapaci di accettare che un essere diverso da loro li capisca e cerchi di farsi capire. […]

Lettore 2        Perciò miagolare nel linguaggio degli umani era un grandissimo rischio per i gatti.

Colonnello      Tu rimani con Fortunata. Noi ci ritiriamo a discutere la tua richiesta.

Lettore 1        Durò ore e ore la riunione dei gatti. […]

Lettore 2        Era notte quando terminarono. […]

Colonnello      Noi gatti del porto ti autorizziamo a infrangere il tabù un’unica volta. Miagolerai con un solo umano, ma prima decideremo tutti assieme con quale.

 

Lettura .08. – Parte Seconda, capitolo 11

Lettore 1 – Lettore 2 – Zorba – Poeta – Fortunata –

 

Lettore 1        […] Zorba fece capolino.

Lettore 2        Erano davanti a un edificio alto.

Lettore 1        Sollevò gli occhi e riconobbe il campanile di San Michele illuminato da vari riflettore.

Zorba             Le porte sono chiuse.

Poeta              Non tutte. […] Conosco un entrata per noi.

Lettore 2        Fecero il giro e si intrufolarono da una piccola porta laterale che l’umano aprì con l’aiuto di un coltello a serramanico..

Lettore 1        Poi tirò fuori di tasca una torcia e, guidati dal suo sottile fascio di luce, iniziarono a salire una scala a chiocciola che sembrava interminabile.

Fortunata       Ho paura.

Zorba             Ma vuoi volare, vero?

Lettore 2        Dal campanile di San Michele si vedeva tutta la città.

Lettore 1        La pioggia avvolgeva la torre della televisione.

Lettore 2        E al porto le gru sembravano animali in riposo.

Zorba             Guarda! […] I nostri amici sono laggiù.

Fortunata       Ho paura, mamma! […]

Lettore 1        Lumano prese la gabbiana tra le mani.

Fortunata       No! Ho paura! Zorba!

Zorba             Aspetta, posala sulla balaustra.

Poeta              Non avevo intenzione di buttarla giù.

Zorba             Opra volerai, Fortunata. Respira. Senti la pioggia. È acqua. nella tua vita avrai molti motivi per essere felice, uno di questi si chiama acqua, un altro si chiama vento, un altro ancora si chiama sole e arriva sempre come una ricompensa dopo la pioggia. Senti la pioggia. Apri le ali.

Lettore 2        La gabbianella spiegò le ali. […]

Lettore 1        La pioggia le copriva di perle le piume.

Lettore 2        Lumano e il gatto la videro sollevare la testa con gli occhi chiusi.

Fortunata       La pioggia. L’acqua. Mi piace.

Zorba             Ora volerai.

Fortunata       Ti voglio bene. Sei un gatto molto buono.

Zorba             Ora volerai. Il cielo sarà tutto tuo.

Fortunata       Non ti dimenticherò mai. E neppure gli altri gatti.

Zorba             Vola!

Lettore 1        Fortunata scomparve alla vita.

Lettore 2        Lumano e il gatto temettero il peggio.

Lettore 1        Era caduta giù come un sasso.

Lettore 2        Col fiato sospeso si affacciarono alla balaustra.

Lettore 1        E allora la videro che batteva le arli sorvolando il parcheggio.

Lettore 2        E poi seguirono il suo volo in alto

Lettore 1        Molto più in alto della banderuola orata che corona la singolare bellezza di San Michele. […]

Fortunata       Volo! Zorba! So volare!

Lettore 2        Lumano accarezzò il dorso del gatto.

Poeta              Bene, gatto. Ci siamo riusciti.

Zorba             S’, sull’orlo del baratro ha capito la cosa più importante.

Poeta              Ah s’? E cosa ha capito?

Zorba             Che vola solo chi osa farlo.

Poeta              Immagino che adesso tu preferisca rimanere solo. Ti aspetto giù.

Lettore 1        Zorba rimase a contemplarla.

Lettore 2        Finché non seppe se erano gocce di pioggia o lacrime

Lettore 1        Ad annebbiare i suoi occhi gialli di gatto nero grande e grosso

Lettore 2        Di gatto buono.

Lettore 1        Di gatto nobile.

Lettore 2        Di gatto del porto.