Strumenti di confronto

 

fra i vari enti dell’amministrazione pubblica

Essi servono per realizzare la leale collaborazione fra Stato ed enti locali

Essi sono conferenze o accordi

Conferenze

Le conferenze possono essere:

Conferenze Stato-Regioni, Conferenze Stato-Enti locali, Conferenze unificate (cui partecipano sia lo Stato, sia le Regioni, sia gli Enti locali)

Conferenze Stato-Regioni: parere non vincolante. infatti in una conferenza stato-regioni le regioni hanno espresso parere contrario su un tariffario, che poi però lo Stato ha imposto ugualmente.

Accordi

Esempi di un accordo

1

vi è un procedimento, che parte da una lettera di intenti

“Questa amministrazione (ad esempio una scuola) si propone di realizzare … . A tal fine chiede a codesta amministrazione se ritiene di poter prendere in considerazione la possibilità di cedere in concessione momentanea terreni di proprietà del Comune secondo accordi che andremo a concludere, per un’attività didattica (l’esposizione di una mostra). Si resta in attesa di un cortese riscontro”

L’amministrazione potrebbe rispondere che

al Signor Dirigente scolastico della scuola

Oggetto:

In via di massima questa amministrazione esprime apprezzamento per l’iniziativa, rimandando a successivi contatti per la realizzazione della cosa”

la scuola risponde:

“La informiamo che affidiamo la specificazione dei termini della concessione al dirigente scolastico, che contatterà i vostri uffici per gli opportuni accordi.”

A questo punto si procede al preaccordo, poi alla bozza dell’intesa, e infine all’accordo vero e proprio.

Alla fine nell’accordo bisogna specificare l’oggetto (ad esempio, il titolo della mostra o dell’esposizione, la durata, il costo, gli eventuali affitti di strumentazione, l’illuminazione, ecc…)

Nello stipulare l’oggetto della convenzione bisogna prevedere i possibili oneri che questo accordo può comportare.

La giunta comunale delibera di dare in concessione il terreno alla scuola.

Il rappresentante all’esterno dell’amministrazione è il sindaco, ma gli atti concreti dell’amministrazione appartengono alla dirigenza comunale.

Si dà quindi mandato al dirigente del settore scolastico del comune.

Intesa, accordo e convenzione sono sinonimi. Posso usare anche un altro termine (protocollo) ecc… ma ciò che conta è la sostanza del testo.

Accordo è comunque generalmente fra enti pubblici privati, intesa fra enti pubblici.

Le parti devono comportarsi secondo correttezza, buona fede e lealtà. Per cui, ad esempio, una amministrazione non può rimangiarsi le decisione ad un passo dalla sottoscrizione. Di fatto in quel caso, si può parlare di un impegno precontrattuale.

La giunta deve impegnarsi in un’attività che comporta delle spese, indicando con precisione i mezzi economici per farvi fronte.

Facciamo un altro esempio:

2

L’amministrazione comunale vorrebbe fare un concorso di pittura, oppure dei temi svolti.

Il Comune potrebbe fare un bando di idee, poiché è tenuto a rispettare il principio di uguaglianza, poiché non può farlo pregiudizialmente con una scuola piuttosto che un’altra.

L’amministrazione, infatti, tutte le volte che è pronta ad offrire beni, utilità o servizi, è tenuta  a rispettare il principio di imparzialità e consentire a tutti i soggetti che vi hanno interesse di accedere ai benefici o alle utilità offerte.

Ormai il principio della concorrenza  e dell’imparzialità è prevalente in tutti gli enti pubblici.