Una risposta tempestiva e concreta ad una sentenza molto discutibile

Sharing is caring!


di A. Lalomia

Un piccolo ma combattivo comune lombardo, Besana in Brianza, ha risposto in modo particolarmente tempestivo, concreto ed efficace alla recente e assai discutibile sentenza della Corte Europea per i Diritti dell’Uomo circa la presenza del Crocifisso nelle aule (1). Con provvedimento del 12 novembre 2009, infatti, il Sindaco, Vittorio Gatti, ha ordinato “[……] di mantenere il crocifisso nelle aule delle scuole di Besana in Brianza come espressione dei fondamentali valori civili e culturali dello Stato Italiano, perlomeno fino all’esito del Ricorso alla Corte Europea, espletato dallo Stato Italiano, salvo diverse disposizioni [……] ” (2).

Il mancato rispetto dell’Ordinanza comporterà una sanzione amministrativa di 150,00 Euro.

Il provvedimento è stato notificato per la sua esecuzione ai Dirigenti Scolastici degli istituti presenti nel Comune e la Polizia Municipale ha ricevuto l’incarico di verificare eventuali trasgressioni, anche se il Sindaco si è mostrato conciliante circa i tempi relativi al saldo della multa.

L’Ordinanza è particolarmente importante anche perché riporta una serie di disposizioni (3) che obbligano le scuole italiane a dotare di un Crocifisso ogni aula, con buona pace della suddetta Corte (4).

Che aspettano gli altri comuni italiani a seguire l’esempio di questa cittadina lombarda, così fedele a valori a cui non vuole  – e giustamente- rinunciare ?

——————————————

Note

(1) Sull’argomento, cfr. “Crocifisso nelle aule. Europa più piccola, Italia più grande“, di Luigi Gaudio, (   ) . V. anche “Occidente e mondo islamico”, nella mia pagina all’interno di questo portale.

(2) Qui il testo integrale dell’Ordinanza.

(3) Vorrei ricordare comunque che anche l’ex Ministro Moratti, a suo tempo, con due note specifiche, aveva ribadito il principio del rispetto della legislazione in materia, che è fin troppo chiara e che non ammette infrazioni.

(4) Per inciso, si tratta dello stesso organismo che ha dichiarato legittimo il canone RAI ( cfr. l’articolo del “Giornale” del 17-04-09, “Corte europea diritti dell’uomo. ‘E’ giusto pagare il canone RAI’ “).

——————————————-

shares