Lo scocciatore


Orazio, Satire, I, 9

traduzione interlineare di Carlo Zacco

 

Satire

 

I, 9. Lo scocciatore

 

Ibam

forte

via sacra,

sicut meus est mos,

meditans

nescio quid

nugarum,

Me ne andavo

per caso

per la via sacra

come è mia abitudine,

pensando a

non so quali

bazzecole,

 

totus

in illis:

accurrit

quidam

notus

mihi

tantum

nomine

arreptaque

tutti [immerso]

in quelle:

mi corre incontro

un tale

noto

a me

solo

di nome

e afferrata[mi]

 

manu:

‘quid agis,

dulcissime rerum?’

‘suaviter,

ut nunc est,’

inquam

‘et cupio

omnia

la mano:

« come stai,

carissimo?»

« bene,

almeno per ora»

dico

«e ti auguro

tutto

 

quae vis.’

Cum adsectaretur,

occupo:

‘numquid vis?

at ille:

quello che vuoi».

Siccome continuava a seguirmi,

lo precedo:

«vuoi qualcosa?»

ma lui:

 

‘noris nos’

inquit

‘docti sumus.’

hic ego:

‘hoc

mihi

eris pluris

« dovresti conoscermi»

dice

«sono un letterato».

e io:

«per questo

per me

varrai di più»

 

inquam.

Quaerens

misere

discedere

ire

modo ocius,

interdum

consistere,

dico.

Cercando

disperatamente

di defilarmi

andavo

ora più in fretta,

talvolta

mi fermavo,

 

dicere

in aurem

nescio quid

puero,

cum sudor

manaret

ad imos talos.

‘o te felicem,

dicevo

all’orecchio

non so che

al mio servo,

mentre il sudore

mi scendeva

fino ai calcagni.

« Beato te,

 

Bolane,

cerebri

aiebam tacitus,

cum ille

garriret

quidlibet,

Bolano,

che sei una testa calda»

dicevo in silenzio,

mentre quello

cianciava

di qualunque cosa,

 

laudaret

vicos,

urbem.

Ut

illi nil

respondebam,

inquit:

‘cupis misere

lodava

le strade,

la città.

Poiché

non gli

rispondevo nulla,

dice:

« desideri disperatamente

 

abire:

video

iamdudum;

sed nil agis:

usque tenebo;

persequar

and’artene:

lo vedo

già da un pezzo;

ma non ce la fai:

non ti mollo;

ti seguo

 

hinc quo nunc iter est tibi»

‘Nil opus est te

circumagi:

volo visere

quendam

dovunque andrai»

«Non c’è bisogno che tu

faccia un giro lungo:

voglio vedere

uno

 

non tibi notum;

is cubat

trans Tiberim

longe

prope Caesaris hortos.’

che  non conosci;

è a letto

al di là del Tevere

lontano da qui

vicino i giardini di Cesare».

 

‘Nil habeo quod agam

et non sum piger:

sequar te

usque.’

Demitto auriculas,

ut asellus

«Non ho niente da fare

e non sono pigro:

ti seguo

fin là».

Abbasso le orecchie

come un asinello

 

iniquae mentis,

cum subiit

dorso

onus

gravius.

Incipit ille:

rassegnato,

quando si è sobbarcato

in groppa

un peso

troppo pesante.

Quello comincia:

 

‘Si bene me novi,

non facies

amicum

pluris

Viscum,

non Varium;

«Se mi conosco bene,

non stimerai

come amico

più [di me]

Visco,

o Vario;

 

nam quis possit

scribere

pluris versus

me

aut citius?

quis membra movere

infatti, chi potrebbe

scrivere

più versi

di me

o più rapidamente?

chi danzare

 

mollius?

ego canto

quod

et Hermogenes

invideat.’

Erat hic

con movenze più effeminate?

io canto

cose che

anche Ermogene

invidierebbe»

Era questo

 

 

interpellandi locus:

‘est tibi mater,

cognati,

quis est opus

te salvo?’

il momento di interromperlo:

« hai una madre,

dei parenti,

che hanno bisogno

di te sano e salvo?»

 

‘Haud mihi quisquam.

Omnis conposui.’

‘felices.

Nunc ego resto.

Confice;

namque

instat

« Non ho nessuno.

li ho seppelliti tutti».

« Beati loro.

Adesso resto io.

Finiscimi,

infatti

incombe

 

mihi

fatum triste

quod

anus Sabella

[a me] puero

cecinit

mota

divina urna:

su di me

un triste destino

che

una vecchia sabina

[a me] ragazzino

predisse

agitata

unurna divina:

 

“hunc

auferet

neque dira venena,

nec hosticus ensis,

nec laterum dolor

aut tussis,

costui

non lo porteranno

né funesti veleni,

né spade nemiche,

né dolore al costato

o tosse,

 

nec podagra

tarda:

hunc

quando cumque