Quel rosignol, che sà ­ soave piagne


di Francesco Petrarca

videolezione prof. Luigi Gaudio

su you tube (clicca qui)

Quel rosignol, che sà ­ soave piagne,
forse suoi figli, o sua cara consorte,
di dolcezza empie il cielo et le campagne
con tante note sà ­ pietose et scorte,

5et tutta notte par che maccompagne,
et mi rammente la mia dura sorte:
chaltri che me non ò di chi mi lagne,
ché n dee non credevio regnasse Morte.

O che lieve è inganar chi sassecura!
10Que duo bei lumi assai più che l sol chiari
chi pensò mai veder far terra oscura?

Or cognosco io che mia fera ventura
vuol che vivendo et lagrimando impari
come nulla qua giù diletta, et dura.