Indagine statistica sulle malattie dell’anziano

L’indagine statistica-sanitaria è il metodo di lavoro dell epidemiologia, cioè quella scienza induttiva il cui compito è quello di descrivere la distribuzione delle malattie e soprattutto quello di ricavare la distribuzione da questa descrizione delle conoscenze generali.
Rispetto ad una malattia, una popolazione può essere descritta considerando la malattia come evento o come stato. Nel primo caso (evento) interessa valutare il numero dei nuovi casi in un certo lasso di tempo. Nel secondo caso (stato) si valuta lo stato di malattia nella popolazione ad un certo istante.
È importante per determinare e rilevare a livello nazionale un fenomeno collettivo usufruire della scienza della statistica. Infatti, essa si occupa dello studio dei fenomeni collettivi fornendo gli strumenti che servono a ottenere tutte quelle informazioni che occorrono. È opportuno procedere seguendo uno schema ben dettagliato:

  1. Raccolta dati
  2. Spoglio e trascrizione dati (tabelle)
  3. Elaborazione dati
  4. Rappresentazione grafica

Riguardo la raccolta dati dell’indagine statistica sulle malattie dell’anziano, gli interessati a questa ricerca si sono affidati all’ente pubblico dell’Istat. Questo istituto di ricerca è l’organo ufficiale della statistica italiana e rappresenta un forma di raccolta indiretta. Come tale è il maggior produttore di informazioni statistiche del nostro Paese.
A questo proposito l’analisi delle malattie dell’anziano si riferisce al periodo 1998-2000 in Italia. Le malattie della terza età sono state valutate come un fatto di stato avvenuto in un dato momento.

Raccolta dati:

Nell’anno solare 1998 il numero delle persone anziane che hanno riscontrato: il diabete mellito sono 3285442; l’arterioscl’erosi sono 3093542; l’infarto del miocardio sono 2687563; le malattie respiratorie sono 2879942; le malattie dell’apparato digerente sono 1493781; altre malattie 1322983. Nell’anno solare 1999 i dati si differenziano perché abbiamo: il diabete mellito con 3392988; l’arterioscl’erosi con 3132981; l’infarto con 2521824; le malattie respiratorie con 3031248; la malattie dell’apparato digerente con 1374357; altre malattie con 1273934. Nell’anno solare 2000 rispettivi dati sono: il diabete mellito con 3400741; l’arterioscl’erosi con 3138953; l’infarto del miocardio con 2747032; le malattie respiratorie con 3057495; le malattie dell’apparato digerente con 1585484; altre malattie con 4078449.

Trascrizione dei dati in tabella:

Malattie dell’anziano

1998

1999

2000

Totale

Diabete mellito

3285442

3392988

3400741

10079171

Arterioscl’erosi

3093542

3132981

3138953

9365476

Infarto del miocardio

2687563

2521824

2747032

 7956419

Malattie respiratorie

2879942

3031248

3057495

8968685

Malattie dell’apparato digerente

1493781

1374357

1585484

4453622

Altre malattie

1322983

1481532

1273934

4078449

Totale anziani ammalati

 14763253

 14934930

15203639

44901822

Rappresentazione grafica:

Con questo tipo di rappresentazione si tracciano tanti rettangoli quanti sono i dati da rappresentare: la base è di larghezza arbitraria ma costante, l’altezza è proporzionale all’intensità del fenomeno. Tali rettangoli possono essere a seconda delle esigenze, tracciati accostati l’uno all’altro oppure staccati.
Gli Istogrammi si prestano a rappresentare un fenomeno statistico per il quale occorre tenere distinte diverse componenti e una distribuzione per classi: in questo caso le ampiezze delle classi vengono assunte come basi dei rettangoli.

torna all’indice della tesina L’inserimento dell’anziano nella famiglia d’oggi tesina esame di stato 2003 – dirigente di comunità – di Maria Paola Viale

Paola Viale

Insegnante di scuola primaria in Liguria