Modello di valutazione

Occorre sostituire un vecchio modello di valutazione, con uno nuovo: valutare non le nozioni, ma le competenze.

Vale la pena di ricondurre gli apprendimenti alle evidenze delle competenze.

Occorre valutare quali sono quei comportamenti che soddisfano la padronanza della lingua italiana, della lingua inglese, della matematica, ecc…, insomma le 8 competenze europee, in modo che tutto possa essere giudicato in base a questo modello.

La Certificazione, la famosa certificazione delle competenza, di cui si parla da un po’ di anni deve essere basata sulle competenze europee.

Il modello omogeneo della valutazione potrebbe essere visto sul sito dell’Istituto Barsanti di Treviso e anche sul sito della Direzione Scolastica di Treviso (PIAZZA ASL), Piazza delle Competenze.

Insomma, per valutare, non basta la scheda di valutazione, la griglia dei punteggi, ma occorre spostare l’attenzione sulle competenze.

Anche INVALSI e PISA sono tese alla cittadinanza europea, cioè la capacità d’uso delle conoscenze e delle abilità.

In conclusione, occorre chiedersi, come contribuisce la mia disciplina alla padronanza linguistica, allo stare nel mondo, insomma alle 8 competenze della cittadinanza europea?